Tra il prendere decisioni e il non salvare la vita delle persone io non ho dubbi: decideremo fino in fondo quello che è necessario”. Lo sceriffo Vincenzo De Luca, durante la consueta diretta Facebook del venerdì è pronto a misure drastiche pur di fermare l’impennata dei contagi che in Campania ha superato le 1.200 unità. Per l’ex sindaco di Salerno per garantire la vita ai cittadini è fondamentale “avere un adeguato numero di terapie intensive” e che il problema vero non riguarda “i posti letto degli ospedali modulari, su cui, tra l’altro, ho sentito cose aberranti” ma la mancanza “degli anestesisti. Ne abbiamo avuti 17 e se sarà necessario bloccheremo altri reparti per avere tutti gli anestesisti necessari e mettere in piedi tutte le terapie intensive che servono. Prenderemo misure di guerra” ha detto De Luca.

Vincenzo De Luca imputa la colpa dell’aumento dei contagi “a comportamenti irresponsabili, incivili e anche delinquenziali. Purtroppo questa è la realtà con la quale dobbiamo fare i conti’’. evidenzia l’ex sindaco di Salerno che ha poi aggiunto: “La gente deve aiutarci perché il nostro obiettivo è tenere in piedi l’80-90% delle attività economiche. Quindi le persone devono aiutarci con piccoli sacrifici come usare sempre la mascherina, lavare le mani e basta uscite irresponsabili di notte. Non mi sembrano sacrifici impossibili da sostenere” conclude De Luca.