Il governatore uscente Vincenzo De Luca è arrivato ieri a sorpresa sul palco di San Giovanni a Teduccio a Napoli, per il comizio conclusivo della campagna elettorale. Ieri in piazza anche Luigi Di Maio, a sostegno di Valeria Ciarambino, mentre oggi sarà il turno dello sfidante Stefano Caldoro, che terrà il suo comizio conclusivo nel centro storico, a San Domenico Maggiore. Il candidato del centrodestra a partire dalla 17, sarà “con i giovani di Napoli per dare un segnale chiaro a chi non è  stato mai nemmeno menzionato in questa campagna elettorale dai miei avversari“.

Microfono in mano, nel quartiere dell’area orientale di Napoli, De Luca accolto dagli applausi ha arringato sottolineando di aver mantenuto gli impegni presi con i suoi elettori. Ha scelto San Giovanni per assumersi “un impegno quello di realizzare il lungomare. Sapete che di queste cose si e’ parlato per anni, come si e’ parlato anche di Bagnoli e del centro storico’’. Ma ieri c’è stato spazio anche per le polemiche sollevate in merito ai nomi dei 9 ‘impresentabili’ candidati nelle liste di centro destra e di centro sinistra.

Il presidente, che si prepara a bissare il mandato regionale si è preso, tra gli altri, anche l’impegno di realizzare il lungomare di Napoli est. “Abbiamo già fatto degli investimenti importanti a San Giovanni – ha detto -. Vogliamo una riqualificazione ambientale per creare il lungomare della Napoli est: tre chilometri che prevedono anche la riqualificazione dell’ex Corradini, altri insediamenti per i giovani e la ricongiunzione del quartiere con il suo mare. Ci vorranno finanziamenti importanti ma noi ci stiamo preparando con quelli Fesr 2021 2027 ci impegniamo a trovare le risorse“.

De Luca ha poi parlato del suo cavallo di battaglia, l’emergenza sanitari, ricordato quanto fatto nel clou della pandemia. “La Campania è rimasta sola’’ ha detto il governatore che ha esortato tutti a tenere alta la guardia contro il coronavirus e ricordato di aver acquistato i vaccini influenzali che possono rivelarsi utili, nei prossimi mesi. Infine altro fiore all’occhiello, il lavoro, per il quale De Luca si è impegnato con un piano di sostegno alle imprese.