Alterando le date di nascita faceva risultare che i figli, gli amici dei figli e altri conoscenti risultassero alunni di scuole superiori della città, così da farli entrare gratis allo stadio. Per una convenzione stipulata con il Comune, infatti, il Calcio Napoli concede agli studenti i biglietti gratuiti per accedere alla tribuna. L’ex Assessore allo Sport del comune di Napoli Pina Tommasielli, rischia per questo il processo per peculato e sostituzione di persona. Nel mirino il match Napoli-Juventus dell’8 marzo 2013 quando, tra gli alunni dell’Istituto comprensivo “Aganoor – Marconi”, furono inserite la figlia della Tommasielli, Mariangela Balassi e alcune amiche. Ma anche in occasione di Napoli-Manchester City del 22 novembre 2011, e di Napoli-Chelsea del 21 febbraio 2012, Mariangela Balassi figurava tra gli studenti del liceo classico “Sannazaro”. Infine ad un’altra partita, Napoli-Genoa del 21 dicembre 2011 ha partecipato come studente, insieme al fratello Dominique Balassi. Pina Tommasielli, lo ricordiamo, è indagata assieme all’ex assessore un componente del suo staff, Fabio Mangieri, per la vicende delle multe contestate e poi fatte annullare alcuni mesi fa alla sorella e al cognato.