Giovedì 28 aprile alle 17, presso il Complesso dei Santi Marcellino e Festo, Ivano Dionigi dell’Università degli Studi di Bologna, parlerà di ‘Dante e Lucrezio: la grammatica del cosmo’.

E’ la seconda di tre lezioni organizzate nell’ambito del ciclo di seminari che ha come titolo ‘I saperi di fronte a Dante’ inserita nell’ambito della rassegna F2 Cultura, cartellone annuale di iniziative culturali della Federico II.

Dante conosceva l’Eneide «tutta quanta» (Inf., XX 114); al contrario può aver letto solo pochi versi del De rerum natura, citati dai padri della Chiesa e dai grammatici latini. E tuttavia i nomi di Dante e Lucrezio vengono spesso associati, in quanto “poeti pensatori”, “poeti filosofi”, capaci di restituire ai lettori affascinanti e seducenti “grammatiche del cosmo”. A guidarci in questi percorsi paralleli, per il secondo incontro del ciclo Dante di fronte ai saperi, sarà Ivano Dionigi, già Magnifico Rettore dell’Alma Mater Studiorum di Bologna, illustre latinista, tra i più autorevoli studiosi e commentatori di Lucrezio, ricercatore attento e interessato alle intersezioni e ai rapporti tra saperi umanistici e scienze esatte.

Il ciclo di appuntamenti si concluderà, il 19 maggio 2016 alle 16, presso la sede dell’Accademia Pontaniana, con Luca Serianni della Sapienza Università di Roma, che  interverrà su ‘L’arte del dialogo nella Commedia’.

L’ingresso è libero. L’accesso sarà consentito fino ad esaurimento posti