Siamo da 1 settimana a chiamare gli over 60 e le adesioni sono scarse. Abbiamo target 160mila e hanno aderito 20mila in piattaforma. Sono fasce che rientrano in età lavorativa e quindi ci sono anche problemi con gli orari“. Lo ha detto il Direttore Generale dell’Asl Napoli 2 Nord Antonio D’Amore intervenendo in trasmissione su Radio Crc Targato Italia.

Poi ha aggiunto: “Serve l’opzione volontaria extra piattaforma per capire, stiamo vaccinando la metà delle persone potenziali. Questo è il tema che si riproporrà per la fascia 40-60 anni. Sul territorio alla fine apriremo 22 centri vaccinali e riesco a vaccinare oltre 10mila al giorno ma, devono darmi vaccini e aprire la piattaforma. Israele ha vaccinato tutti perché ha aperto notte e giorno”.

Sul caso di Marano senza un centro vaccinale con i cittadini che si recano a Quarto o Pozzuoli, D’Amore ha specificato: “Per aprire dei centri abbiamo pianificato e la programmazione è partita il 5 gennaio con i sindaci. Con alcuni c’è stata una disponibilità immediata, poi serve una gara per aprire uno spazio. Tra Marano e Quarto ci sarà stata probabilmente una disponibilità data in ritardo. Su 36 comuni del territorio non si possono aprire centri ovunque. Vorrei poter raggiungere tutti, a Marano potremmo fare delle giornate simboliche in cui ci avviciniamo”.

Infine il dirigente ha commentato il sondaggio Focus Marketing: “Se c’è una giusta informazione e se la persona è informata si reca al centro vaccinale e non fa storie. Dobbiamo dire che i nostri operatori sanitari non possono essere ufficiali di polizia giudiziaria nei centri vaccinali. Si risolve il problema con i vaccini aprendo alle categorie“.