La polizia di stato, la polizia postale e delle comunicazioni ha diramato un comunicato stampa in cui avverte i cittadini italiani, privati e aziende nel settore pubblico e statale di fare molta attenzione.

Vi è infatti, un virus informatico chiamato “cryptolocker” che si aggira in rete da oltre un anno, già dal 2014 sono partite numerose denunce alle autorità competenti per furto ed espropriazione abusiva di dati informatici sensibili. La modalità in cui i criminali informatici eseguono questo attacco è la seguente:

Molte persone hanno dichiarato di aver ricevuto sulla propria casella di posta elettronica un messaggio in cui si avvisa di monitorare un pacco che si riceverà tramite corriere, nel messaggio c’è un file in allegato la cui estensione è .pdf, un file di testo di sola lettura quindi, in realtà si tratta di un virus-software che va ad installarsi nella memoria del proprio PC bloccandolo, per sbloccarlo con un loro software, i criminali informatici richiedono un ricatto con somme che ammontano al massimo 100€, in Bitcoin.

Il Bitcoin è una criptomoneta peer to peer non centralizzata, quindi non è possibile tracciarne gli spostamenti ne sapere dove si è creata questa criptomoneta virtuale.

La polizia postale dunque avvisa alla cittadinanza di non cedere al ricatto, in quanto non si sa effettivamente se dopo il pagamento i dati saranno restituiti e non riutilizzati per successivi ricatti, si raccomanda inoltre di tenere sempre ben aggiornato il proprio antivirus e di non scaricare file se non si è certi della provenienza.

Per qualunque tipo di informazione e per denunciare un furto o un illecito informatico rivolgersi a questo link

o di chiamare immediatamente il 113.

A proposito dell'autore

Naples, Italy
Google+

Diplomato presso un liceo scientifico e laureando in scienze della comunicazione, mi occupo di scrivere articoli scientifici, condurre podcast radiofonici, organizzare gruppi di persone per il conseguimento di progetti, fare da relatore su tematiche come Open Source e tecnologie positive per la società umana, ho realizzato una stampante 3D ed ora mi occupo di elaborare per conto di altri campagne di crowdfunding e mi sto specializzando nel settore dell'E-Learning.

Post correlati