Campione d’inverno: conterà anche poco ma è comunque un risultato che fa morale e soprattutto non di poco conto in termini statistici. Il Napoli vince a Crotone con un gol del Capitano Marek Hamsik che dopo un quarto d’ora indirizza il risultato in maniera determinante: sarà primo posto anche se la Juventus espugnerà Verona.

REINA 6,5: provvidenziale quando rimedia ad un suo errato rinvio. Decisivo quando, in bello stile, disinnesca una beffarda conclusione di Crociata.

MAGGIO 6: risponde presente il laterale veneto, che non compie giocate da ricordare ma fa il suo dovere con dedizione e senza sbavature.

ALBIOL 6: gara attenta e pulita, becca un giallo che non esiste e recrimina per un contatto sospetto in area.

KOULIBALY 6: solito baluardo rapido ed insuperabile. Nella ripresa particolarmente impreciso quando si tratta di avviare l’azione.

HYSAJ 6: volenteroso ma tremendamente innocuo quando affonda trovando spazi invitanti. Diligente nella fase difensiva.

ALLAN 7 : ma quanti polmoni ha? Ed il bello è che unisce impareggiabile dinamismo ad una qualità eccelsa. Suo il tocco che manda in porta Marek.

JORGINHO 6: buona ed efficace distribuzione del pallone nel primo tempo. Ripresa con minore smalto ed un po’ di stanchezza che affiora, inesorabile. Al suo posto DIAWARA 6,5 che ha un grande impatto con la gara. Personalità nel mantenere il possesso e fisico per non far perdere presenza e solidità al centrocampo azzurro. E quella sassata che costringe Cordaz ad un autentico capolavoro.

HAMSIK 7: si sbloccherà e non si fermerà più, dicevamo. Detto fatto: tre gol in altrettante gare consecutive di campionato ed una prestazione piu’ che positiva. Nel vivo del gioco e finalmente preciso nello smistamento del gioco.

CALLEJON 6,5: attivo più che mai, si dà un gran da fare per coniugare al meglio le due fasi di gioco. Vicino al gol nella ripresa ma Cordaz è in serata di grazia.

MERTENS 5: non è tranquillo ed è lontano parente del formidabile attaccante ammirato nell’ultimo anno. Spesso anticipato secco, è poco lucido al tiro e nelle scelte. Deve uscire fuori dal tunnel… Al suo posto ROG S.v.

INSIGNE 6: i compagni lo cercano, si appoggiano sulle sue spalle e nei suoi sapienti piedi ma si nota dall’ inizio che non è particolarmente ispirato. Nonostante ciò regala una perla incantevole, una traiettoria che trova soltanto la traversa ad impedire il raddoppio. Al suo posto ZIELINSKI 6,5 il quale dimostra ormai di essere affidabile anche come vice Insigne. Appare in ottima forma fisica ed è ispirato tanto da far ammattire la catena di destra crotonese.

SARRI 7: termina l’anno solare con il maggior numero di punti in Italia e con la simbolica aggiudicazione del titolo d’inverno. La sua creatura gioca divinamente e guarda tutti dall’alto verso il basso, per ora… Il difetto sembrava legato alla solidità ed al fatto di non saper portare a casa le cosiddette partite sporche: ebbene a Crotone il Napoli vince per 1-0 mostrando a tratti alcune doti da provinciale. La strada è segnata..