La porzione di uno stabile dismesso e disabitato da una ventina d’anni è crollata ieri in via Innominata a Napoli, nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. Secondo quanto riportato dai vigili del fuoco, intervenuti sul posto insieme a squadre Usar e unità cinofile, l’edificio era utilizzato da persone senza fissa dimora. Sul posto anche i carabinieri della compagnia Poggioreale. Non si registrano feriti. La polizia municipale di Napoli ha provveduto a mettere in sicurezza l’area ma, a quanto riferisce il comandante Ciro Esposito, non si è resa necessaria la chiusura della strada vista la posizione della palazzina.

Alcuni residenti della zona avevano segnalato la presenza di una coppia di clochard polacchi che usava la struttura come rifugio, ma le unità cinofile e i sensori impiegati dai vigili del fuoco non hanno rilevato presenze umane sotto le macerie. Si continua ora a scavare con le pale meccaniche. Via Innominata non sarebbe più negli itinerari settimanali delle Unità di strada che si si recano dove è segnalata la presenza di senza fissa dimora. A quanto rende noto l’assessore comunale alle Politiche sociali, Monica Buonanno, diversi mesi fa infatti era stata attenzionata la presenza di senza fissa dimora che si erano successivamente spostati nell’area di piazza Garibaldi.