Siamo preoccupati per l’escalation criminale che sta mettendo in ginocchio Torre Annunziata. Omicidi e agguati sono quotidiani.
L’ultimo è accaduto nella scorsa serata in cui è stato gambizzato, tra la folla della movida, un 17enne. Echeggiano senza risposta le parole di Maria Adriana, la figlia di Maurizio Cerrato brutalmente ucciso, che invocava ‘basta omertà‘. Vincere la paura significa garantire una maggiore e visibile presenza delle forze dell’ordine sul territorio. Questa ennesima effervescenza delle bande di camorra mette a rischio l’incolumità delle persone e la stessa coesione sociale. Mi
appello al ministro dell’Interno e al Prefetto di Napoli affinché si faccia terra bruciata attorno alle roccaforti criminali dando un segnale inequivocabile della presenza dello Stato. Torre Annunziata non dev’essere più un fort apache
“. Lo afferma in una nota il senatore Sandro Ruotolo del Gruppo Misto intervenendo sulla escalation criminale di Torre Annunziata.