La negatività dei tamponi è una buona notizia ma ora entriamo nel vivo, dobbiamo conoscere i risultati attesi per domani (oggi) e quelli di sabato per dare il via libera a Juventus-Napoli“. Così intervistato dall’ANSA Vincenzo Mirone, medico scelto dal Napoli per coordinare il protocollo covid19 degli azzurri, ha commentato la vicenda tamponi dopo che si è scoperto il focolaio tra i liguri, episodio che rischia di far saltare il match contro la Juventus. Ma intanto ieri la squadra di Gattuso ha proseguito a Castel Volturno gli allenamenti. Gli azzurri si stanno preparando per la partita della terza giornata di Serie A, in programma domenica alle ore 20.45. Per Lorenzo Insigne invece il prosieguo delle terapie, dopo l’infortunio al San Paolo.

Sabato avremo una certezza precisa e affidabile – ha poi aggiunto Mironee dovremo riflettere. Ci auguriamo che tutti siano negativi ma se avessimo due, tre giocatori positivi la mia opinione è che sarebbe un rischio giocare la partita. Qualche altro giocatore potrebbe incubare il virus e rischiamo che accada come al Genoa, che l’incubazione finisca la domenica e si sblocchi anche la contagiosità mentre le squadre vanno in campo. Sarebbe un rischio per i compagni e per la Juventus“.