L’ordinanza regionale n. 68 del 12 agosto 2020 prescrive 14 giorni di isolamento fiduciario a chi rientra in Campania dall’estero.

Il provvedimento, firmato ieri dal presidente di regione Vincenzo De Luca, ordina a tutti i residenti in Campania di ritorno dall’estero fino al 31 agosto (sia con tratte dirette che con scali o soste nel territorio nazionale) di segnalarsi entro 24 ore dal rientro al competente Dipartimento di prevenzione della ASL, che provvederà alla somministrazione di test sierologico e/o tampone. I cittadini sono inoltre obbligati all’isolamento fiduciario di 14 giorni, che sarà sospeso solo in caso di esito negativo degli esami.
L’obbligo di segnalarsi all’ASL e sottoporsi ad isolamento fiduciario è valido anche per coloro che abbiano fatto ritorno dall’estero entro i 14 giorni antecedenti all’ordinanza.

L’infrazione di una o di entrambe le prescrizioni previste dall’ordinanza sarà punità con una sanzione di 1000 euro: i rischi per la salute pubblica sono elevati. L’Unità di Crisi regionale, infatti, riunitasi ieri in seduta straordinaria, ha ritenuto opportuno inasprire i provvedimenti preventivi, dato l’aumento di casi di positivi al virus tra i residenti campani di ritorno da paesi stranieri.

Intanto, il bollettino di oggi, aggiornato alle 23:59 di ieri, registra 27 nuovi positivi (di cui 9 legati ad una struttura sanitaria di Acerra), su 1708 tamponi effettuati e 4 guariti.