DOMENICA 22 GENNAIO 2017

Castello Mediavale, Guardia Sanframondi (BN) Nell’ambito del VinSannio FestivalArt – Le Città del Vino verso
l’UNESCO – seconda edizione, il Comune di Guardia Sanframondi
promuove un’iniziativa dal forte valore tecnologico e innovativo: il
Country Hack Fest.
Il mondo rurale sta cambiando con l’evoluzione delle applicazioni
tecnologiche. Oggi si sperimentano sistemi per migliorare la qualità
dei prodotti e per ottimizzare costi e risorse, valorizzare e promuovere
territori. Un processo che deve fare i conti con un’azione di
rinnovamento della cultura di approccio alla terra in un’ottica sempre
più “open” dove i saperi e le conoscenze diventano patrimonio
collettivo.
Si tratta di un’iniziativa che intende approfondire il rapporto tra
tecnologie e territorio rurale, verso un futuro nel quale tecnologie e
sostenibilità saranno protagonisti di un cambiamento radicale della
cultura di approccio alla terra, di produzione di qualità, di
promozione e valorizzazione del patrimonio
rurale-paesaggistico-artistico-culturale.

A Guardia Sanframondi si riuniranno innovatori, hacker, ricercatori e
imprese per un focus sulle più recenti innovazioni in tema di ruralità
e di nuove tecnologie.

Il primo COUNTRY HACK FEST, programmato per domenica 22 gennaio,
accoglie e interroga esperti di diversi settori per individuare le sfide
da affrontare con tutti gli attori del territorio, per realizzare un
vero e proprio hackathon che si terrà in autunno: una maratona creativa
per l’elaborazione di processi innovativi di infrastrutture e prodotti.

Il programma prevede la partecipazione di protagonisti del mondo delle
imprese come GIOVANNI CATURANO – SpinVector: “Il Sannio è una terra
ricchissima di storia, bellezza e cultura, ma non è certo guardando
solo all’interno che impareremo a trasformare questa ricchezza in
valore. Viviamo in un territorio dalle forti potenzialità, ma è
necessario informare il turista della nostra esistenza. Bisogna
rovesciare il paradigma e ragionare in modo nuovo: se pensiamo al
turismo nell’era della realtà aumentata il gaming e la tecnologia
possono sicuramente essere una soluzione innovativa per il territorio
vitivinicolo”.

La finalità principale del Country Hack Fest, secondo il sindaco
FLORIANO PANZA, è l’apertura di una nuova frontiera: “I nostri
giovani non andranno via se avranno occasione di lavoro sia nel settore
primario che in quello terziario. La candidatura UNESCO e iniziative
simili tendono a costruire una massa critica compatta e decisa che punti
sulla valorizzazione territoriale, paesaggistica ed artistica, sulla
qualità dei talenti locali e sulla tecnologia, di cui parte è
l’hackfest”.

Il Country Hack Fest non vuole solo puntare all’innovazione applicata al
paesaggio rurale, ma intende essere un laboratorio di idee e di
trasformazioni prodotte dal confronto fra culture e sensibilità diverse.

LA PARTECIPAZIONE È LIBERA E GRATUITA

comunicato stampa

A proposito dell'autore

Simona Caruso

Post correlati