Per inaugurare al meglio la Fase 2 e stanare ogni possibile focolaio di Covid-19, urge il cosiddetto “screening di massa” – soprattutto nelle aree più colpite. Per Auletta, Atena Lucana, Caggiano, Polla e Sala Consilina – 5 comuni del salernitano ed ex zone rosse – è arrivato il momento propizio: martedì 28 aprile, infatti, prenderà il via una campagna tamponi orientata a testare oltre mille persone tra commercianti, volontari, farmacisti e tutte le categorie non toccate dal lockdown. “Dopo diverse settimane di quarantena – spiega il sindaco di Caggiano, Modesto Lamattinaè di fondamentale importanza effettuare screening di massa prima della fase due. Bisogna rimanere ancora a casa perché non siamo ancora fuori pericolo: il virus è ancora una minaccia per la nostra salute“.

Va ricordato che – con un’ordinanza regionale del 15 marzo scorso – il governatore De Luca aveva posto in quarantena le suddette zone della Valle di Diano – per “episodi di irresponsabilità e di mancato rispetto delle disposizioni previste per contenere la diffusione del contagio da Covid-19“. Misura poi sospesa il 14 aprile.