Con l’impennata dei contagi aumentano anche i ricoveri in Campania. Per questo l’Asl Napoli 1 ha sospeso dalla mezzanotte appena trascorsa i ricoveri programmati sia medici che chirurgici, fatti salvi i ricoveri con carattere di urgenza non differibili e quelli per pazienti oncologici e oncoematologici medici e chirurgici. Lo si apprende dalla stessa Asl, che sta ora valutando l’ampliamento dell’offerta di posti letto dedicati ai positivi.

Da oggi in poi siamo costretti ad eliminare una serie di attività secondarie e garantire solo gli interventi salvavita, cioè quelli relativi alle emergenze estreme come malati oncologici o infarti” ha detto poco fa durante la diretta facebook il governatore della Campania, Vincenzo De Luca. La decisione è stata presa “per garantire la disponibilità di posti letto” visto l’aumento dei contagi da Covid-19 in regione. “Tutto quello che può essere rinviato, verrà rinviato. Altrimenti non ce la faremo ad avere posti letto disponibili. – spiega il presidente De Luca il quale evidenzia come ogni giorno “dovremo trovare 300 posti letto aggiuntivi in dieci giorni di contagio, in un mese 900 posti letto aggiuntivi. Ovviamente rimane e viene potenziata la rete dei punti nascita” conclude.

E sempre per contenere i contagi da oggi e fino al 30 ottobre scuole chiuse in Campania, come disposto dall’ordinanza firmata ieri sera dal governatore. Non è passata inosservata la singolare protesta di uno studente dell’Istituto Mari di Salerno, fotografato davanti ai cancelli chiusi della scuola. Il piccolo alunno è seduto su un banchetto monoposto e ha con sè lo zaino con il materiale scolastico. Qualcuno ha pensato di scattare una foto con lo smartphone e condividerla sui sui social.