Il sistema produttivo campano accusa i primi colpi a causa del coronavirus. Per questo motivo il Governatore De Luca ha convocato ieri mattina a Palazzo Santa Lucia una riunione emergenziale invitando le parti interessate. Coldiretti, nella persona del direttore regionale Salvatore Loffreda, ha chiesto un intervento deciso. L’appello: non chiudere i mercati degli agricoltori e accelerare i tempi dei pagamenti Agea, l’agenzia per le erogazioni in agricoltura.

Il problema principale riscontrato dalle aziende agricole negli ultimi giorni è il consistente rallentamento delle consegne al nord Italia e dell’export verso altri stati europei. A preoccupare Coldiretti per l’immediato futuro sono le fake news, che diffondono panico e dati drogati sul fenomeno. Proprio per questo è stato chiesto a De Luca di intervenire prontamente al fine di spiegare che il trasporto di merci italiane non porta con se alcun rischio contagio per altri paesi. Si stanno registrando in tal senso molte cancellazioni di pernottamenti presso agriturismi, rappresentanti di quel settore turistico colpito all’istante dalla paura coronavirus.

Intanto, Coldiretti ha accolto con favore la decisione del Governatore campano di non chiudere i mercati in vendita diretta sul territorio regionale. “La campagna non si ferma” è l’iniziativa rivolta ai consumatori che proprio Coldiretti ha lanciato settimana scorsa per sensibilizzare sull’acquisto diretto di prodotti agricoli. Autenticità di ortaggi e frutti, fiducia negli agricoltori: questi i termini della campagna.