I sindaci dei comuni interessati hanno incontrato i vertici dell’Asl Napoli 3 Sud nel pomeriggio di ieri nel corso della conferenza convocata del presidente Giovanni Palomba, primo cittadino di Torre del Greco. Durante l’incontro i direttori generale Gennaro Sosto e amministrativo Giuseppe Esposito hanno condiviso con i sindaci un percorso unico, su tutto il territorio aziendale, in relazione alle procedure da attuare relativamente all’emergenza sanitaria provocata dal coronavirus 2019. I casi ufficiali di coronavirus, registrati in Campania, sono 3: una donna di 24 anni della provincia di Caserta, un tecnico di laboratorio di 26 anni che vive e lavora a Cremona e che nei giorni scorsi è tornata dalla famiglia nel Cilento e infine un 45 enne residente in centro a Napoli. I tamponi effettuati sulle tre persone sono risultati positivi. Nella nostra regione, dunque, non ci sono altri casi conclamati anche se la psicosi per il coronavirus è palpabile.

 “A questo punto va considerato che la paura è una naturale e fisiologica reazione emozionale dinanzi al pericoloha detto il Prof Luca Steardo, neurologo e psichiatra che insegna Scienze psichiatriche all’Università Giustino Fortunato di Benevento -. Guai se non vi fosse. Per una specie incapace di identificare un pericolo e di affrontarlo per superarlo, o comunque evitarlo, non vi è stato spazio nel processo evolutivo. Tuttavia bisogna che la reazione sia commisurata all’entità oggettiva del pericolo. Una reazione non adeguata, perché eccessiva o insufficiente rappresenta di per sé un rischio, diventa di per sé dannosa. L’assenza di   una serena disamina critica del reale pericolo può generare risposte emozionali prive di fondamento e dannose perché capaci di allontanare l’attenzione dal pericolo stesso. Nel caso specifico il timore dell’epidemia rappresenta l’ancestrale paura dell’ignoto che provoca in ciascuno una reazione regressiva causa dello smarrimento di ogni razionalità. Come sempre ‘il sonno della ragione provoca mostri’ e in questi giorni si assiste ad una caccia all’untore in termini moderni ma non troppo differente nella sostanza in quella descritta nelle pandemie del passato. Però è tempo di non cedere a pericoli allarmismi e a sterili psicosi di massa”. 

Le decisioni sono state assunte sulla base delle indicazioni ministeriali e della Regione Campania, garantendo un flusso di informazioni tra gli enti locali e le unità operative di prevenzione collettive. Questo su precisa richiesta proveniente da tutti i sindaci presenti alla riunione. Durante l’incontro molto partecipato sono stati chiariti i livelli di responsabilità delle varie istituzioni. È stata espressa la volontà comune di garantire rigore e tranquillità nell’accogliere le istanze dei singoli cittadini e la presa in carico dei casi segnalati.