La regione Campania non presenta contagiati da coronavirus, ma le amministrazioni locali stanno mettendo a punto piani di prevenzione per limitare i rischi e invitano la popolazione alla calma. Lungo questa direttrice i 18 comuni dell’area nolana hanno convocato il Tavolo dei Comuni dell’Agenzia di Sviluppo per definire priorità e misure idonee a fronteggiare eventuali emergenze. La prima: dotare il pronto soccorso dell’ospedale di Nola di una zona utile ad accogliere i pazienti con sintomi respiratori.

In secondo luogo – stando alle misure urgenti contenute nel decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri – i sindaci delle dei 18 comuni interessati hanno chiarito che “le persone che dal 1° febbraio 2020 sono transitate  ed hanno sostato nei Comuni  focolaio del coronavirus  sono obbligate a comunicare la circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, ai fini dell’adozione di ogni misura necessaria,  compresa la permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva”.

A firmare il documento sono stati: il sindaco di Camposano, Francesco Barbato;  il sindaco di Carbonara di Nola, Antonio Iannicelli;  il sindaco di Casamarciano,  Andrea Manzi;  il sindaco di Cicciano, Giovanni Corrado;  il sindaco di Cimitile Nunzio Provvisiero;  il sindaco di Comiziano Severino Nappi;  il sindaco di Liveri, Raffaele Coppola;  il sindaco di Mariglianella Felice Di Maiolo;  il sindaco di Marigliano, Antonio Carpino;  il sindaco di Nola Gaetano Minieri;  il sindaco di Palma Campania,  Nello Donnarumma;  il sindaco di Roccarainola Giuseppe Russo; il sindaco di San Paolo Bel Sito, Manolo Cafarelli;  il sindaco di San Vitaliano Pasquale Ramo; il sindaco di Saviano, Carmine Sommese;  il sindaco di Scisciano, Edoardo Serpico;  il sindaco di Tufino, Carlo Ferone;  il sindaco di Visciano Gianfranco Meo.

In queste ore di grande preoccupazione – dice il presidente del Tavolo dei Comuni Antonio Carpino, sindaco di Marigliano siamo concentrati ancor di più nella tutela della salute e della serenità del le nostre comunità. Siamo in costante contatto con l’azienda sanitaria, con la Prefettura e con la Regione per essere pronti ad intervenire a salvaguardia dei nostri concittadini ai quali però chiediamo di evitare allarmismi, di informarsi solo attraverso le fonti ufficiali e soprattutto di osservare le misure di prevenzione per evitare il contagio“. 

Intanto, in una informativa al Consiglio regionale il governatore della Campania De Luca ha ribadito che “In Campania la situazione ad oggi è di zero contagi da coronavirustuttavia aggiunge “prima o poi qualche caso è probabile che arrivi e ci stiamo organizzando per un piano B ed anche un piano C nell’ipotesi di contagio diffuso”. Infine il monito alla stampa nel pubblicare informazioni corrette e a non creare panico “Da controlli che abbiamo effettuato ieri l’ 80% delle notizie diffuse sui social media sul coronavirus sono false. Stiamo attrezzando tende all’esterno degli ospedali per il triage dei casi sospetti – ha aggiunto il governatore della Campania – attendiamo in settimana la fornitura di 400 mila mascherine protettiva ed acquisteremo una seconda ambulanza attrezzata per il trasporto di pazienti positivi al coronavirus, in aggiunta a quella in dotazione all’ Ospedale dei Colli”.