Se per molti cittadini campani il Covid-19 è ancora un incubo, per il ‘’Paziente 1’’ è solo un brutto ricordo che appartiene ormai al passato. Francesco, l’avvocato 45 enne di Napoli che aveva contratto la malattia, dopo 25 giorni di ricovero all’ospedale Cotugno, ieri finalmente è potuto ritornare a casa. “Mi sento un reduce di guerra – ha commentato -.Questo virus è come un’ultima mano di poker, puoi vincere e recuperare, oppure perdere tutto“. Quasi un mese tra polmonite, febbre alta e problemi respiratori.

Intanto la Campania si prepara a fronteggiare il picco dei contagi, previsto per la prima settimana di aprile. L’ospedale Cardarelli ha iniziato ad attivare i posti letto dei reparti Covid, così come programmato in risposta all’emergenza sanitaria in atto. I posti letto di terapia intensiva attivati oggi sono 4 e sono ospitati nel Padiglione H. Seguiranno altre attivazioni a cominciare da altri 2 posti letto (sempre di terapia intensiva) nel Padiglione H. La prossima settimana, poi, verranno aggiunti altri due posti letto e 7 di terapia sub-intensiva allocato nel Padiglione M.