Tra ottobre e novembre avremo la sperimentazione a Napoli con la vaccinazione diretta contro proteina spike che è quella che si lega alle cellule”: lo ha dichiarato Paolo Ascierto, direttore dell’Unità Operativa complessa Oncologia medica dell’Istituto nazionale Tumori della Fondazione Pascale, in occasione della 54esima Giornata mondiale delle Comunicazioni sociali.

Si potrebbe arrivare a un vaccino a giugno 2021 – ha spiegato – Con la vaccinazione si arriverebbe all’immunità di massa e alla normalità. Nel frattempo, dobbiamo continuare a fare attenzione. E’ chiaro che tutti vorremmo già avere il vaccino ma ci vuole del tempo perché prima si fa il test sugli animali e si osserva se vengono sviluppati anticorpi e si verifica nell’animale che non ci siano situazione peggiori, successivamente si passa alla sperimentazione sull’uomo e si fanno le prime valutazioni, poi si procede su larga scala. Ci sono alcune aziende avvantaggiate perché avevano lavorato su virus simili come Sars e Mers e hanno già iniziato sperimentazione – ha concluso AsciertoNoi stiamo lavorando con aziende italiana e al momento si è in fase di sperimentazione sui topi”.

Intanto durante la conferenza stampa di ieri con il Presidente Vincenzo De Luca e Andrea Ballabio, direttore dell’Istituto Telethon, il prof. Ascierto è stato annunciato lo stanziamento di 7 milioni di euro per sostenere la ricerca scientifica in Campania e tentare di sconfiggere il coronavirus. Una grande notizia per la nostra Regione e per tutto il Paese.