Per evitare la corsa ai supermercati, alle farmacie o le lunghe code agli uffici pubblici, sono attivi servizi gratuiti a domicilio per persone in auto isolamento fiduciario oppure per chi è anziano, solo o malato e ha bisogno di un aiuto. Un gesto concreto quanto quello di donare il sangue, di cui c’è carenza in tutta la regione a causa della paura legata al Coronavirus. Il governatore, Vincenzo De Luca, ha rivolto a tutti i campani questo appello accorato: “Non c’è alcun rischio, i centri trasfusionali sono completamente in sicurezza. Attrezzeremo anche delle strutture mobili per far sentire tutti più sicuri“.

A Napoli il servizio gratuito della spesa a domicilio è garantita, tra gli altri, anche dai comitati “Sgarrupato” e “Damm” nei Quartieri Spagnoli e a Montesanto. Le richieste d’acquisto di prodotti alimentari o farmaceutici vengono raccolte fino a giovedì, i beni acquistati sono consegnati entro sabato. Anziani, malati e donne con bambini piccoli possono chiedere un sostegno, telefonando ai numeri 329 7956316 e 347 6721159. Negli ultimi giorni, due importantissimi presidi ospedalieri, il Santobono Pausilipon e il Cardarelli, hanno chiesto di andare a donare il sangue per permettere interventi e trapianti programmati per bambini e pazienti adulti. Nel primo caso, è possibile prenotare la propria donazione chiamando allo 081 5754357. Nel secondo caso, il numero a cui si potranno ricevere informazioni è lo 081 7472489.

Nel casertano, tra gli enti del terzo settore che offrono un supporto per chi non può uscire a far la spesa, c’è “Caserta solidale“, una rete fatta di associazioni, parrocchie e cittadini. Dal lunedì al sabato, dalle 09.30 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 18.00, si troverà sempre qualcuno che è disponibile a dare una mano. Basta chiamare al 379 1918190 oppure al 379 1917199. Chi voglia rispondere alla chiamata alla donazione del sangue, deve rivolgersi allo 0823 232045 della “Azienda ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano“.

A Salerno, i principi di solidarietà popolare e di sussidiarietà orizzontale sono dichiaratamente alla base dell’iniziativa di “Diamoci una mano“. Oltre all’acquisto di beni di prima necessità, gli organizzatori propongono un servizio di babysitting sociale per i genitori che lavorano e non sanno a chi lasciare i figli. Gli operatori di “Spazio Pueblo” sono raggiungibili al numero 351 1043812. Chi vuol rispondere alla chiamata alla donazione del sangue, può recarsi al Centro Trasfusionale dell’ospedale “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona“. Per chi vuol chiedere informazioni o prenotare è attivo il numero 089 672653.

Ad Avellino è l'”Arci“, assieme alle associazioni “Soma” e “don Tonino Bello“, a fornire l’aiuto, che passa anche dal disbrigo di semplici pratiche presso gli uffici pubblichi. Per dare una risposta a queste necessità è attivo il numero 0825 784631. Chi vuol donare il sangue all’Ospedale Moscati puo’ recarsi tutte le mattine al “Reparto Simt” che si trova al Piano Terra del nosocomio oppure presso l'”Avis“, nella sede di via Colombo 22 sia venerdì che sabato dalle 08.30 alle 13.30, prenotando al numero 0825 461268.

A Benevento la “Caritas” diocesana continua l’attività dell’ambulatorio, mentre la mensa garantisce il pasto che, per ragioni legate alle norme sulla distanza di sicurezza, non viene più consumato sul posto, ma dev’essere portato via. Il numero a cui rivolgersi è il seguente: 0824 25508. Dall'”Azienda Ospedaliera san Pio” giunge l’invito a prenotare data ed ora della donazione telefonando dalle ore 08.00 alle ore 13.00 al numero della segreteria donatori, 0824 57328. Oppure quello del medico addetto ai donatori, 0824 57329.