Da sabato e fino a ieri, lunedì di Pasquetta, le oltre 150 pattuglie dell’Esercito operative in Campania hanno controllato ed identificato circa 3500 persone: di queste 15 sono state denunciate e sanzionate. Più di 3 mila i veicoli fermati e controllati di cui 4 sequestrati. I militari dell’esercito italiano messi in campo nel week end di Pasqua sono stati circa 1100, per controllare che tra Napoli e provincia venissero rispettate le regole necessarie per contenere il contagio da Covid19.

Il loro impiego è stato esteso nell’area dei paesi vesuviani, nella zona di Sorrento, Castellammare di Stabia, Pozzuoli, Casoria, Caivano, Volla, Sant’Anastasia Castevolturno, con il compito di verificare il rispetto delle ordinanze regionali e dei DPCM, volti a contrastare gli assembramenti di persone e la circolazione non autorizzata. In alcuni comuni campani sono stati utilizzati anche i droni dell’Esercito per il controllo a distanza e dall’alto.