“Sono profondamente basito dalle lungaggini, assolutamente ingiustificate, relative alle assunzioni dei vincitori del concorso per infermieri all’ospedale Cardarelli’’. Con questa dichiarazione il consigliere regionale dei Verdi e membro della commissione Sanità Francesco Emilio Borrelli si è espresso in merito al concorso per l’assunzione di oltre 100 infermieri presso l’ospedale Cardarelli di Napoli. ‘’Ancora una volta la graduatoria è risultata errata e ora i vincitori sono costretti ancora ad aspettare per poter sottoscrivere i contratti e prendere servizio – spiega Borrelli. Si tratta di una situazione stucchevole e ingiustificabile, uno stallo che lascia senza parole. Occorre fare chiarezza su tali lungaggini, per questa ragione abbiamo presentato un’interrogazione che discuteremo in occasione del prossimo Question Time in consiglio comunale. Tra l’altro, e mi preme sottolinearlo – prosegue Borrelli -, le lungaggini del concorso hanno portato ad un ulteriore proroga della fornitura di lavoratori interinali. Non vorremmo che questa attesa eterna per le assunzioni portasse all’ennesima proroga, in barba a tutti gli indirizzi della Regione Campania”.

Al consigliere regionale ha risposto prontamente Antonio Di Nardo dirigente Cobas del Cardarelli: ‘’Sono stato consultato come dirigente sindacale in merito al concorso e posso dire che tutto si è svolto nella massima trasparenza e che la delibera per le assunzioni è stata emessa. Mi sento di rispondere a quanto detto dal consigliere regionale Borrelli, tranquillizzandolo perché la situazione è sotto controllo, c’è una pianta organica da valutare e mancano molti infermieri nei reparti, per cui le procedure per l’assunzione in organico dei nuovi infermieri si sono purtroppo allungate. Con l’anno nuovo – continua Di Nardo – ci saranno nuovi pensionamenti, con conseguenti buchi in organico, anche per questo motivo il direttore dott. Giuseppe Longo sta valutando l’eventuale scorrimento di graduatoria, in maniere puntuale e minuziosa. E’ una procedura dovuta, che ha richiesto più tempo del previsto, ma che alla fine garantirà la copertura infermieristica nei reparti, ma soprattutto garantirà i livelli di assistenza così come previsto dal piano sanitario regionale’. Già a partire dalla metà di dicembre, inizieranno le prime assunzioni’’.