Si è conclusa con la proclamazione dei vincitori, la terza edizione del The Gulf of Naples Independent Film Festival, rassegna cinematografica internazionale destinata a fare da vetrina a lavori privi di distribuzione.

Sono state settanta, provenienti da tutto il mondo, le opere iscritte alla manifestazione artistica napoletana nelle 4 sezioni previste: lungometraggi, cortometraggi, documentari e animazione (queste ultime nuove entrate di questa edizione). Novità di rilievo, quest’anno, la presenza tra i giurati dei registi vincitori delle precedenti edizioni che hanno contribuito ad accrescere il carattere di internazionalità della manifestazione. Vincent Fournier (Francia), Antonio Perez Ramirez (Spagna), Tauquir Ahmed (Bangladesh), Eric Lam (Hong Kong) questi i registi che hanno collaborato con entusiasmo all’iniziativa.

Al concorso ha partecipato anche il docufilm di Napoliflash24 “Palestina, Pace e Libertà”, di Raffaele Cofano e Simona Caruso, montaggio e musiche originali di Marco Gabess. “Palestina, Pace e Libertà” documenta episodi e testimonianze dirette che  caratterizzano la mancanza di diritti e libertà cui è sottoposto il popolo palestinese ma anche le positive forme di cooperazione realizzate  e in corso tra la città di Napoli, le organizzazioni internazionali e la Palestina.

La cerimonia di premiazione si è tenuta a Napoli presso l’Istituto Pontano al c.so V. Emanuele. La giuria, dopo accurata selezione, ha ammesso alla tre giorni finale 5 lungometraggi, 20 corti, 5 documentari e 3 film di animazione.

Il festival, così come nella prima e seconda edizione, è stato arricchito da un’esposizione unica e inedita di manifesti storici di film, provenienti dalla collezione privata di Alberto e Rosaria Bruno, dedicata di volta in volta a un genere cinematografico differente. Il “melodramma” fu il tema della prima edizione, il “peplum” quello della seconda edizione, mentre quest’anno il genere rappresentato è stato quello degli “Spaghetti Western”, nel periodo del loro massimo splendore dal 1965 al 1970.

Il clamoroso quanto inatteso successo del The Gulf of Naples Independent Film Festival, nato quasi per caso, ha spinto gli organizzatori a proseguire il cammino intrapreso per offrire un’opportunità a chi, privo di adeguate risorse economiche ma ricco di idee e talento, intende promuovere le proprie opere cinematografiche. L’intento è quello di diffondere sempre più, attraverso seminari, workshop e collaborazioni, la passione per la “settima arte” tra i giovani aspiranti cineasti.

Awards 2017
Best Feature Film – Tatara Samurai (Japan)
Special Mention Jury Feature Film – AEffetto Domino (Italy)
Best Short Film (ex aequo) – Father (Canada) – Antoine (Lussemburgo)
Special Mention Jury Short Film – Astrid (Spain)
Best Studenet Short Film – Eat Me (Bulgaria)
Best Animation – November under ashes (France)
Best Documentary (ex aequo)- Palestina Pace e libertà (Italy) – We light the traditions (USA)
Special Mention Jury Documentary – Fantassut (Canada)
Special Mention GoN IFF Feature Film – Bandidos e Balentes (Italy)
Special Mention GoN IFF – Children of Medea (Italy) (Best social movie on the territory)
Special Mention GoN IFF Short Film – Domus Amoris (Italy) Special Mention GoN IFF Short Film – Eva (France)
Special Mention GoN IFF Actress – Katia Korda (Bandidos & Balentes)
Special Mention GoN IFF Actress – Gabriella Cerino (Domus Amoris)
Special Mention GoN IFF Cast – Domus Amoris (Italy)
Special Mention GoN IFF Cast -Le ragazze di Mario (Italy)
GoN IFF Award Elvio Porta (Best Screenplay) – Father (Canada)
Sponsor Award IVS – Our Hebrews (Israele)