Domenica 13 ottobre hanno avuto luogo i funerali di Carlo Croccolo presso la chiesa di San Ferdinando, che tutti chiamano la chiesa “degli artisti” perché l’ultimo saluto a tutti i grandi dello spettacolo viene dato li a piazza Trieste e Trento.

L’attore, doppiatore e spalla di Totò Carlo Croccolo, scomparso lo scorso sabato 11 ottobre a 92 anni, ha avuto un degno saluto con una chiesa gremita di attori e persone comuni e tanti ragazzi e “scugnizzi” dei Quartieri Spagnoli, che all’esterno attendevano la bara, portata a spalla anche da Giacomo Rizzo. Ad officiare è stato don Giulio, affezionato cugino dell’attore scomparso. Al lato dell’altare i gonfaloni del comune di Castel Volturno, dove Croccolo da tempo risiedeva, e del Comune di Napoli, rappresentato dall’assessore Anna Maria Palmieri. Nella folla un anziano issava un cartello che ha accompagnato il feretro fino all’uscita della Chiesa “Carlo salutaci il grande Totò”.
Tanti gli artisti napoletani che hanno salutato il maestro, oltre a Giacomo Rizzo, erano presenti Lucio Ciotola, Gianfranco Gallo, Corrado Taranto, Adriano Pantaleo, Caterina de Santis, Lucia Cassini, il critico teatrale Giulio Baffi, Paola Esposito dell’associazione Titania Teatro di cui Croccolo era direttore artistico. Il libro della Sapienza e il Vangelo di Luca sono stati i passi scelti per la messa, ha concluso Daniela Cenciotti recitando le parole di Sant’Agostino.