“Anche oggi si è ripetuto l’ennesimo tentativo di sabotaggio del treno turistico Campania Express da parte di persone, non identificate, ma che hanno come unico obiettivo quello di inasprire gli animi e provocare disordini”. Una breve e concisa nota è stata diffusa dall’Ente autonomo Volturno che gestisce la ferrovia Circumvesuviana, per divulgare quanto accaduto sul convoglio in partenza alle 14.39 dalla stazione di Sorrento e diretto a Napoli. Alcuni viaggiatori hanno occupato il treno turistico provocando ritardi su tutti i treni circolanti lungo la linea Napoli- Sorrento. Solo l’intervento delle forze dell’ordine ha ripristinato la calma, consentendo la partenza del treno e la ripresa della circolazione. L’Azienda, conclude la nota, “provvederà a presentare presso le competenti forze dell’ordine una circostanziata denuncia per interruzione di pubblico servizio”.
Che la Circumvesuviana abbia serie difficoltà è sotto gli occhi di tutti e le cronache napoletane lo raccontano tutti i giorni attraverso il racconto dei pendolari che tutti i giorni si spostano tra Napoli e i comuni della provincia. Tuttavia il Presidente di Eav De Gregorio ha ammesso nelle scorse ore in un post sui social che «il servizio funziona ancora male» e comprende dunque la rabbia dei pendolari: «Che i pendolari si lamentino del servizio della Circumvesuviana è comprensibile: il servizio funziona ancora male». Quindi, senza nascondersi, spiega cosa non funziona: «La carenza di personale produce effetti negativi, occorre un urgente ricambio generazionale e forze nuove perché il personale è davvero ridotto ai minimi termini. Entro Poche settimane assumiamo 20 giovani ingegneri, a seguire macchinisti, operai ecc. Oggi sulla circumvesuviana mancano treni e personale per condurre i treni. Il servizio è carente? È un miracolo che esista».