Quella appena conclusa è stata una mattinata davvero da dimenticare per i viaggiatori della Circumvesuviana. Treni soppressi, pesantissimi ritardi che hanno letteralmente intasato le tratte da e per Napoli. Secondo quanto si apprende, i disagi sarebbero stati causati carenza di ‘materiale rotabile’, cioè convogli.

In alcuni casi i ritardi hanno raggiunto i 30 minuti. I pendolari denunciano infatti anche l’assenza della pur minima comunicazione a chi è costretto ad attese interminabili sulle banchine. Rabbia, polemiche e c’è stato chi ha avuto voglia di ironizzare “se fosse il titolo di un film si chiamerebbe ‘Viaggio allucinante'”, si legge nei commenti della Circumvesuviana, linea di snodo importante per Napoli e l’hinterland. ‘’E anche oggi Circum/Eav sta confermando l’elevato standard dei propri dis-servizi. Stiamo andando a passo spedito verso l’obiettivo: 2 ore per transumare da Sorrento a Napoli’’ si legge in un altro commento postato sulla pagina social della Circumvesuviana.

C’è stata tensione anche questa mattina tra viaggiatori della linea Poggiomarino-Pompei, giunti a Napoli con 2 ore e mezza di ritardo: due treni sono stati soppressi, senza comunicazione in alcune stazioni, e il terzo è arrivato con oltre mezz’ora di ritardo a destinazione.