Nell’anniversario della sua nascita, Tommasino, permettetemi di ricordarlo col nome d’arte in “Natale in Casa Cupiello” o, se preferite, col nome di Peppeniello in “Miseria e Nobiltà“.
Nato il 3 giugno 1948, Luca De Filippo  cominciò a recitare a soli otto anni nella compagnia del nonno Eduardo Scarpetta.
Col padre lavorò sia in teatro che in tv in varie commedie eduardiane, Filumena Marturano, Non ti pago, Il sindaco del rione Sanità, Napoli milionaria!, De Pretore Vincenzo, Le bugie con le gambe lunghe, Uomo e galantuomo, Natale in casa Cupiello, Gli esami non finiscono mai, Le voci di dentro, Sik-Sik l’artefice magico, Gennareniello, e ancora Dolore sotto chiave, Quei figuri di tanti anni fa, Ditegli sempre di sì, Chi è cchiù felice e me, il pirandelliano Berretto a sonagli e in alcune commedie di Eduardo e Vincenzo Scarpetta (‘O tuono ‘e marzo, Na santarella, Tre cazune fortunate).
Al cinema è stato il padre di Silvio Muccino nel film di Gabriele Muccino, Come te nessuno mai.  In tv fu protagonista di tantissimi sceneggiati e fiction.
Nel 2010 ricevette il Premio De Sica come migliore attore teatrale, anno in cui ritorna alla regia con lo spettacolo Le bugie con le gambe lunghe di Eduardo, nel ruolo del protagonista.
Da stasera sarà ricordato per quanto merita ed è tantissimo. Napoli perde un altro pezzo da novanta, di quelli che il Padreterno per fortuna ci ha mandato in grande abbondanza. Da parte mia, mi piace ricordarlo così, con la famosa lettera in “Natale in casa Cupiello” che tra poco, per i napoletani e non, gli amanti del Teatro e del genio artistico, sarà sicuramente un Natale in cui ad ognuno mancherà qualcosa, mancherà Tommasino o, se preferite, Peppeniello.

… ché poi il Padreterno sa quello che deve fare

Luca: (a Tommasino) …ma io non capisco, ‘o Presebbio nun te piace, e ce stai sempre vicino…
(rivolgendosi a Nicolino)
‘O vvi, fa queste cose per dispetto, ma poi è affezionato e vuole bene alla famiglia. Quello mo è giovanotto, non è più un bambino, eppure quando viene Natale scrive la lettera alla madre. E sono io che lo voglio. Per la madre i figli devono avere sempre lo stesso rispetto.
(Rivolgendosi al figlio con senso d’orgoglio)
Fai vedere la lettera che hai scritto a mammà.
Tommasino: Che le faccio sentì? E’ una specie di quella degli altri anni!
Luca: E va bene, Niculino la vuol sentire. Liegge…
Pasquale: Ogni anno nce avimmo sentere sta litania…
Luca: Si nun ‘a vuò sentì, vattène int’ ‘a camera tua.
Tommasino: Cara madre, tanti auguri per il santo Natale. Cara madre…
Pasquale: N’ata vòta?!
Luca: Pascà, statte zitto. Lo sai che il ragazzo è stato malato, ha avuto la malattia di nervi e ha fatto la cura rinforzata. Io non posso prendere responsabilità: si chillo te mena nu piatto in faccia, addò arrivammo… Lo sai che è nervoso. Guarda la gamba.
Pasquale: la vedo, la vedo…
Luca: Tommasì vai avanti.
Tommasino: Cara madre, da oggi in poi voglio diventare un bravo giovane. Ho deciso, mi voglio cambiare. Preparami…
Pasquale: …’a cammisa, ‘a maglia e ‘e cazettine.
(Come tutta risposta Tommasino lancia un piatto che si va a frantumare ai piedi di Pasqualino)
Pasquale: Neh, Lucariè, chillo m’ha menato nu piatto!
Luca: Io ti avevo avvertito, il ragazzo tiene la malattia di nervi, è nervoso
Tommasino: Guarda la gamba, guarda la gamba.
Luca: Pascalì t’he ‘a stà zitto. Dobbiamo mangiare, piatti ce ne stanni pochi.
Pasquale: Sì, mo me sto zitto. Liegge, liegge… Io non ti curo.
Tommasino: Cara madre, ho deciso: mi voglio cambiare: preparami un bel regalo. Questo te lo dissi l’anno scorso e questo te lo dico anche adesso.
Luca: E questo lo diciamo ogni anno.
Tommasino: Cara madre, che il Signore ti deve far vivere cento anni, insieme a papà, a Ninuccia, a Nicolino e a me… Cara Madre…
Pasquale: Io non c’entro è vero?
Luca: Vai avanti.
Pasquale: Nu mumento, debbo chiarire una cosa.
Luca: E’ meglio che andiamo avanti.
Pasquale: Nu mumento: perché non m’hai messo pure a me nella nota della salute?
Luca: Va bbuò Pasqualì, abbozza.
Pasquale: Ma ch’aggia abbozza….Io sono suo zio, m’ha da mettere pure a me.
Tommasino: Non posso.
Pasquale: Perchè non puoi?
Tommasino: Non c’è lo spazio.
Pasquale: Tu tieni in mano nu foglie ‘e carta che è una SILOCA.
Guagliò mietteme pure a me si no stasera ce ntussecammo Natale.
Luca: Pasqualì, ma tu faie overamente?
Pasquale: Faccio overamente.
Luca: Ma famme sentì: se quello ti mette pure a te nella nota della salute, tu veramente campi cient’anni, Pasquali’? Ma tu faie overamente?
Pasquale: No, è per principio.
Luca: Vabbene, ho capito: Tommasì, miette cient’anni pure a isso.
Tommasino: Ma come faccio?
Luca: T’aggio ditto miette cient’anni pure a zì Pasqualino. Che poi il Padreterno sa quello che deve fare.
Tommasino: Cara madre che il Signore ti deve far vivere cento anni, insieme a papà, a Ninuccia, a Nicolino e a me…. E cient’anni pure a zì Pasqualino, però con qualche malattia…
Pasquale: Carogna, sei carogna!
Tommasino: Questa è la proposta.
Luca: Chillo Pascalino s’a piglia veramente! Facciamo bubà, ma sono questioni senza rancore. Ci vogliamo bene ed io ogni anno a costo di qualsiasi sacrificio devo fare il regalo a mia moglie…l’anno scorso le spignorai l’orecchino… nce facette truvà a tavola… fuie accussì cuntenta… Quest’anno ho pignorato l’orecchino e le ho comprato un’altra cosa…
(Natale in casa Cupiello)

Ciao Luca

di Carlo Fedele