Nella sede dell’antica Istituzione del Monte Manzo di Scala, fondata nel 1608, situata in un monumentale palazzo del centro storico di Napoli, domenica 13 ottobre dalle ore 9.00 si potranno ammirare i diversi e preziosi documenti dell’Archivio Real Monte di Manso di Scala – le cui carte più antiche risalgono al  XII secolo – e dell’Archivio Catello, una ricca collezione di disegni donati dalla storica ditta Catello alla Fondazione Real Monte Manso di Scala.

Il recente Decreto di dichiarazione di notevole interesse culturale dell’Archivio Storico della Fondazione Real Monte Manso di Scala, emanato dal Soprintendente archivistico e bibliografico della Campania, sarà presentato durante l’iniziativa culturale del 13 ottobre prossimo dal Governatore della Fondazione Don Giuseppe dei Duchi de Vergas Machuca e dal Soprintendente archivistico e bibliografico della Campania Gabriele Capone.

Tra i documenti esposti sarà visibile la più antica pergamena conservata dall’Ente, un privilegio datato Palermo 2 aprile 1169, con cui il feudo di Aufia viene trasmesso a Clarizia di Falerno e a suo figlio Giacomo Clerico. Le pergamene custodite dall’Ente sono complessivamente 59 e di queste dodici furono utilissime al Conte Riccardo Filangieri de Candida Gonzaga per la ricostruzione dei Registri della Cancelleria Angioina andati perduti nell’incendio di San Paolo Belsito.

Inoltre durante le visite guidate si potranno ammirare i disegni di opere d’arte e argenti realizzati dalla storica ditta Catello per molte cappelle, chiese e monumenti di Napoli.

Il programma prevede inoltre una “contaminazione” delle carte archivistiche con una esposizione di alcune opere in cartapesta dello scultore e pittore napoletano Pasquale Manzo e, infine, un concerto di musiche della tradizione napoletana con la cantante Francesca Curti Giardina accompagnata alla chitarra classica dal maestro Nicola Campanile.