E’ giunto ad una drammatica svolta il caso di Pasqualino Porfidia, bambino di 8 anni scomparso il 7 maggio 1990. Nel corso delle operazioni di scavo a Marcianise, nel casertano, carabinieri e vigili del fuoco hanno trovato frammenti ossei e brandelli di vestiti. Il rinvenimento è avvenuto nella zona di Via Arno, dove da alcuni giorni i carabinieri della Compagnia di Marcianise, guidati dal capitano Nunzio Carbone, con l’ausilio dei Vigili del fuoco stanno ispezionando alcuni cortili e pozzi, in esecuzione del decreto di ispezione dei luoghi emesso dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere a seguito della riapertura del caso da parte del gip. Pasqualino Porfidia fu visto l’ultima volta intorno alle 11.30 del 7 maggio 1990, nel quartiere di San Giuliano, dove viveva con la famiglia, mentre era seduto su una panchina. I reperti ritrovati tra Via Tevere e Via Arno a Marcianise saranno ora sottoposti ad accertamenti. Le operazioni di ricerca volte a trovare tracce o elementi utili al prosieguo delle indagini sulla scomparsa di Pasqualino Porfidia, bambino di 8 anni scomparso il 7 maggio 1990, sono iniziate lo scorso 20 maggio.

A proposito dell'autore

Post correlati