Il gruppo Fresco, attento alla cultura del bello e del buono nel territorio campano, ha deciso di accogliere nei locali dell’ultima nata, la splendida pizzeria Fresco Caracciolo, una collettiva fotografica di artisti campani emergenti: “Cartoline da…Napoli”, con la direzione artistica della galleria per le arti contemporanee Intragallery.

La mostra sarà presentata in anteprima alla Stampa il 22 novembre alle 12.00, da Mimmo Jodice e Barbara Jodice, rispettivamente padrino e madrina della manifestazione. L’eccezionale presenza della bravissima fotografa Barbara Jodice e del grande maestro della fotografia Mimmo Jodice, artista partenopeo riconosciuto a livello internazionale, testimonia il loro immenso amore per la città di Napoli e la loro forte sensibilità verso chi rimane sul territorio, e vi scommette investendo.

In linea con una tendenza sempre più marcata, quella che vede le aziende più illuminate nel ruolo di promotrici di attività artistiche e culturali, il gruppo Fresco ha deciso di intraprendere, con lo stesso rigore che pone nella ricerca dell’eccellenza gastronomica, questa iniziativa culturale per rilanciare nuove visioni della città di Napoli. Questo obiettivo viene perseguito stimolando una sinergia tra due diversi mondi: quello del food e quello dell’arte e ciò attraverso lo sguardo di giovani artisti fotografi emergenti, che si materializza in un contenitore inedito.

Nasce in quest’ottica il contest espositivo Cartoline da…Napoli, finalizzato alla promozione dell’eccellenza partenopea, diventando così una destinazione iconica, appetibile ad un pubblico diverso per interessi e nazionalità.

Talentuosi giovani fotografi sono stati invitati a raccontare con uno scatto la propria visione di Napoli, mostrandola nelle sue mille sfaccettature più iconiche o insolite e a dipingere una cartolina contemporanea della città.

Cartoline da…Napoli: per avere la città davanti agli occhi e come contraltare le golose “cartoline” del pizzaiolo Antonio Troncone, che sono la novità assoluta nel mondo napoletano della pizza.

Sono stati selezionati quattordici lavori fotografici, in bianco e nero e a colori, per undici artisti: saranno esposti i lavori diLorenzo Cabib (Pigeon Life), Silvio Cerciello (Riflessioni, Uomo allo specchio con Madonna e Aiuto San Gennaro), Federica Cioce (Il Vetro), Alessandra Finelli (Yombe), Marco Iannaccone / Scarlet Lovejoy (Partenope sospesa), Giovanni Nicola Marotta (Castel Sant’Elmo), Angelica Paciocco  (Ragazzo in bicicletta), Carolina Rapillo (L’altra ala), Riccarda Rodinò di Miglione (Baci da Napoli), Jessica Spinelli (La finestra sulla città. Belvedere Castel Sant’Elmo, Napoli, Da 171 anni l’alba. Chiesa di San Francesco di Paola, 7:25 a.m.), Dorotea Tasca (Riflessi, Posillipo).

La foto vincitrice, alla quale sarà assegnato un premio di 1.500,00 euro, sarà individuata tramite votazione dei clienti di Fresco Caracciolo.

Più̀ specificatamente: sarà approntata una legenda delle 14 foto esposte nel locale, numerate e titolate, in modo che i clienti possano votare in sede le loro preferenze. La foto maggiormente votata sarà la vincitrice del Premio.

La Cerimonia di Premiazione avverrà a marzo 2018, in data da definirsi.

Le foto sono state riprodotte a stampa Giclèe con inchiostri a pigmento su carta Hahnemuhle Matt Fibre 200gr, presso la premiata Stamperia Fine Art Lab di Luigi Fedullo.

Comunicato Stampa

A proposito dell'autore

Esperta enogastronomica, docente, pubblicista, conduttrice, video reporter, sommelier e assaggiatrice ONAF. Titoli professionali conseguiti a Roma, Verona e Milano, in pasticceria, panificazione, lievitazione e cioccolateria . Laurea in Economia Aziendale e gestione delle imprese, innamorata del Marketing. Project Manager Adaline Agency. Delegata Campania della FIMAR (Federazione Italiana Management della Ristorazione). Responsabile Campania della Guida Mangia e Bevi. CEO di Le stanze della cultura S.a.s di Romina Sodano & Co. "Sono una ribellione alla statistica, i numeri non possono definirmi e la letteratura non osa raccontarmi." La mia passione? La natura che fa il suo corso. Il territorio ci identifica in ciò che siamo!

Post correlati