Militari appartenenti alla Stazione Carabinieri Forestale di Formicola (CE) e del Gruppo Carabinieri Forestale di Caserta, con l’ausilio dei medici veterinari dell’A.S.L. di Caserta – Gruppo di Lavoro Biosicurezza e del Distretto Veterinario di Capua, nonché dei tecnici dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Mezzogiorno di Portici (NA), hanno constatato, presso un allevamento zootecnico bufalino nel comune di Capua (CE), una serie di irregolarità nello smaltimento di acque e di reflui zootecnici, non effettuando inoltre, la prevista utilizzazione agronomica dei reflui zootecnici, bensì ha smaltito gli stessi, qualificati rifiuti speciali non pericolosi, sul suolo in maniera incontrollata. I Carabinieri hanno proceduto quindi al sequestro dell’intero plesso aziendale e delle sue pertinenze, ad eccezione della casa colonica dove risiede il proprietario dell’allevamento con la propria famiglia, con facoltà d’uso dell’azienda solo ed esclusivamente per il governo degli animali (alimentazione, mungitura, etc.).

Il proprietario dell’insediamento zootecnico è stato denunciato in stato di libertà per l’integrazione del reato di gestione illecita di rifiuti speciali non pericolosi ed illecito smaltimento degli stessi mediante immissione in acque superficiali o sotterranee.