‘O Passio è il concerto in scena sabato 16 aprile alle 18,30 nella Chiesa della SS. Trinità dei Pellegrini, in via Portamedina 41. Il coro polifonico Ars Nova, diretto dal maestro Romeo Saudella, eseguirà canti sacri in lingua napoletana, tratti da brani del Vangelo Secondo Marco. Un’originale idea di Franco Schiano.
Il titolo è suggerito dall’esortazione che mamme e nonne indirizzavano ai ragazzi di un tempo,  perché presenziassero alla celebrazione della domenica delle palme e all’adorazione della croce del venerdì santo: ” ‘a Messa è cchiù longa pecché ‘nce stà ‘o Passio”.
E tra le parole della Passione secondo l’evangelista ed un cammeo della tradizione orale popolare, s’impone la musica avvolgente di Antonio Vivaldi, di Antonio Traetta, di Cesar Franck, di Antonio Lotti, di Joan Sebastian Bach, di Zoltan Kodaly. ” ‘O Passio” tenta di riproporre il sentimento del sacro completamente dimenticato nel presente consumistico.
E a conferma che ogni credo si nutre degli universali sentimenti di compassione, il Cantico della tribù degli Indiani d’America Navajo, tradotto in lingua napoletana, si fa spazio per la sua attualità nell’Anno della Misericordia proclamato da Papa Francesco