E’ stato un lavoro lungo lo spoglio delle 5.827 sezioni in Campania per le elezioni del presidente del consiglio regionale: alla fine il governatore uscente Vincenzo De Luca chiude la sfida con netto distacco dagli avversari al 69,49%. Stefano Caldoro del centrodestra si ferma al 18,05%, mentre la candidata del M5S, Valeria Ciarambino si è fermata al 9,93%, nettamente sotto a quel 17,2% incassato dal Movimento cinque anni fa.

In linea con i dati provvisori a fare da traino in questa tornata elettorale è stato il Pd, che si attesta prima forza politica in regione (16,90%), davanti alla lista De Luca presidente (13,31%). Bene anche Italia Viva che ottiene il 7,37%. Terzo partito è il M5S, mentre deludono le liste di centrodestra. Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni non va oltre il 5,97%, ma è comunque davanti alla Lega (5,65%) e Forza Italia (5,16%). Uno stacco notevole per gli altri candidati presidente: Giuliano Granato di “Potere al Popolo” 1,20%, Luca Saltalamacchia con “Terra” 1,07%, Sergio Angrisano “Terzo Polo” 0,16%, Giuseppe Cirillo con il “partito delle buone maniere” che si attesta sullo 0,10%.

Diverso lo scenario a Pomigliano d’Arco, città natale dell’ex capo politico dei Pentastellati e attuale ministro degli Esteri, Luigi di Maio, dove il primo partito rimane il M5S. Clemente Mastella, poi, con la lista “Noi Campani” tra Benevento e provincia supera i 100mila voti. Il recordman di voti poi è il consigliere uscente del Pd, Mario Casillo che ha raccolto più di 42mila presenze. Ma un altro risultato, storico per la Campania, è l’ingresso in consiglio comunale di un membro della lega: si tratta del cilentano Attilio Pierro, un passato da assessore provinciale ai Lavori Pubblici nella giunta dei Fratelli d’Italia di Antonio Iannone e vicesindaco di Roccagloriosa. Nel 2015 partecipò a Pontida al tradizionale raduno della Lega Nord; la sua presenza, insieme ad altri amministratori cilentani, non passò inosservata. Un successo per Pierro e del Carroccio, che piazza il simbolo di Matteo Salvini anche in Regione. “Per la prima volta il gruppo della Lega entra in Consiglio regionale. Cinque anni fa non c’eravamo neppure” è stato il commento del segretario regionale del Carroccio in Campania, Nicola Molteni. “La nostra sarà opposizione seria, dura e propositiva – ha aggiunto –. Dal gruppo consiliare della Lega niente sconti e compromessi. Lavoreremo per crescere e diventare una forza di governo credibile e alternativa a De Luca, con un centrodestra rinnovato e più competitivo. Continua il percorso di crescita e radicamento nelle istituzioni e sui territori. Da oggi pancia a terra e testa alle prossime amministrative. Il futuro della Campania passa anche per la Lega”, ha concluso Molteni.