Anche in piena pandemia, la criminalità organizzata non conosce pause. Lo dimostra l’operazione congiunta di Polizia di Stato e Gdf, che su richiesta del gip della Dda di Napoli, hanno eseguito un sequestro preventivo nei confronti di Carmine Maisto, uomo legato al clan Mallardo. Pesanti le accuse nei confronti dell’uomo: associazione di tipo mafioso, riciclaggio, bancarotta fraudolenta e trasferimento fraudolento di valori. Altrettanto il bottino del sequestro, con il pignoramento di 112 immobili, 15 società, numerosi conti correnti ed effetti cambiari, 4 automobili di lusso, 2 scuderie ippiche ed orologi di pregio – per un totale di 50 milioni di euro. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Carmine Maisto aveva messo in piedi a nome del clan Mallardo – operante soprattutto a Giugliano, a nord di Napoli – un vero e proprio trust criminale con l’obiettivo di reinvestire e riciclare i soldi sporchi del sodalizio camorristico. Con il ruolo di prestanome, l’accusato aveva creato una rete imprenditoriale che comprendeva le più disparate attività: alberghi, ristoranti, ville, appartamenti, edilizia residenziale, supermercati, scuderie, stabilimenti balneari.

La portata dell’operazione, mette in luce il potere economico di un clan storicamente radicato sul territorio napoletano; come dimostra il rapporto della DIA di Napoli risalente allo scorso gennaio 2020 – “A Giugliano in Campania si conferma la presenza del clan Mallardo, uno dei gruppi che fanno parte della cd. “Alleanza di Secondigliano”, unitamente ai sodalizi Contini e Licciardi. I Mallardo sono tra le famiglie camorristiche più influenti del panorama criminale campano, con proiezioni economiche e criminali in diverse regioni, tra le quali il Lazio e la Toscana“. Rapporti che i Mallardo, negli anni, hanno saputo curare anche con “i gruppi operanti a Villaricca (famiglie Ferrara-Cacciapuoti), con i clan Nuvoletta – Polverino di Marano e Bidognetti del casertano. Il sodalizio è presente, tramite suoi referenti, anche a Qualiano, e ha, infine, basi operative e logistiche a Napoli centro“.