Giuseppe Musella, 47 anni, è stato arrestato questa mattina in un appartamento nel quartiere Scampia di Napoli. I poliziotti lo hanno trovato all’interno di un vano costruito dietro la parete di una stanza da letto. L’uomo, figlio di Maria Licciardi, esponente di primo piano dell’omonimo clan camorristico si era sottratto ad un ordine di carcerazione per associazione per delinquere, rapina e sequestro. Da ottobre era ricercato: nei suoi confronti era stato emesso un ordine di carcerazione per i reati di associazione per delinquere, rapina e sequestro di persona per i quali è stato condannato in via definitiva. Musella dovrà ora rispondere di associazione per delinquere, rapina e sequestro di persona.

La madre, Maria Licciardi, detta ‘a piccerella, è considerata dagli inquirenti un personaggio apicale dell’omonima famiglia criminale che ha la sua roccaforte nella zona della cosiddetta Masseria Cardone: sorella del defunto boss Gennaro Licciardi ‘a scigna, Maria Licciardi subentrò alla gestione degli affari illeciti a seguito dell’arresto degli altri fratelli.