Torna a Napoli uno spettacolo che consacrerà la stagione dello spazio ZTN: “Broduei, casi umani in teatro”, pièce che è riuscita a far ridere anche il pubblico francese.

Lo spettacolo andrà in scena dal 5 all’8 maggio.
Un omaggio al genio di Woody Allen e Michael Frayn, “Broudei” narra le vicende di una sgangherata compagnia teatrale durante la prova generale di uno spettacolo musicale. Tra strani sabotaggi, mancanza di talento, voglia di celebrità, problemi personali e un certo gusto per le droghe leggere, il regista Sam Allen farà di tutto per non incorrere nelle ire di Nick Soprano, produttore teatrale e noto mafioso.

«Il punto di forza di Broduei – spiega Maurizio D. Capuano – sono i suoi personaggi, tutti ben definiti e caratterizzati. E ruotano tutti intorno a un perno: Sam Allen, il regista, che qui svolge quasi la funzione di uno psichiatra per i suoi attori. Le varie vicende danno vita a una serie irresistibile di gag, dove il dinamismo delle scene ben costruite contribuisce ad amplificarne la comicità.»

Al di là delle risate però, “Broduei” è anche un’amara riflessione sul teatro contemporaneo. Riflessioni amare sulla difficoltà di fare questo mestiere e quello che c’è dietro il prodotto finale, la messinscena davanti a un pubblico.