Operazione San Gennaro è un film del 1966 diretto da Dino Risi, con Totò, Nino Manfredi, Senta Berger, Harry Guardino, Mario Adorf e Dante Maggio.

Tre americani, Jack, Maggie e Frank, giungono a Napoli con l’intenzione di rubare il Tesoro di San Gennaro. Si rivolgono a Don Vincenzo ( Totò ) che si trova nel carcere di Poggioreale, il quale li indirizza ad una banda capeggiata dal guappo Antonio Girasole, detto Dudù ( Nino Manfredi ). Da buon napoletano Dudù, quando viene a conoscenza dell’obiettivo del furto, ha un attimo di esitazione, ma poi, considerando l’aiuto  che potrebbe dare ai suoi compaesani più poveri, ci ripensa e chiede consiglio a Don Vincenzo, che a sua volta è in dubbio e dice di rivolgersi direttamente al santo. Quando un raggio di sole  illumina improvvisamente la chiesa Dudù si convince dell’approvazione del santo. Il colpo viene messo a segno nella notte in cui l’attenzione di tutta Napoli, popolo e forze dell’ordine, è polarizzata davanti alla televisione che trasmette il Festival della Canzone Partenopea. Ma le intenzioni degli americani sono ben diverse da quelle di Dudù, che vuole impedire al tesoro di finire in America. Mentre il festival napoletano è in corso, il colpo viene portato a termine e Maggie tenta di fuggire con il bottino, ma viene raggiunta all’aeroporto da Dudù il quale, involontariamente, consegna il Tesoro all’ Arcivescovo, diventando così un eroe.

La critica:

Secondo un commento, riportato in “Antonio deCurtis.com“, “c’è poco di propriamente originale nella struttura generale del racconto che oltretutto ha i suoi momenti di fiacca…); tuttavia “gli attori sono spassosi, e più ancora le macchiette ( tra le quali giganteggia ovviamente Totò )…”

Il critico Angelo Somi fa notare che “…domina su ogni altro Don  Vincenzo ‘o Fenomeno che, impersonato da Totò, dà al personaggio un’impronta di autentico realismo…

In una recensione di Luca  Scialò ( da mymovies.it ), Operazione San Gennaro viene definito un “film divertente, che presenta diverse angolature di Napoli , dagli aspetti storico-culturali a quelli folkloristici, senza però mai calcare la mano…utilizzando ad arte l’arma dell’ironia”.

nino-manfredi-operazione-san-gennaro

Da notare che questa pellicola offre una delle rare apparizioni di Totò e Nino Manfredi insieme.

Alberto Anile ( da mymovies.it ) osserva che “Totò, che non può fare tutto, dice di sì almeno a Dino Risi, che gli offre una partecipazione in Operazione San Gennaro, una specie di Soliti ignoti in salsa napoletana. L’idea di assoldare Totò è proprio di Risi, ormai diventato uno degli alfieri della commedia all’italiana, e per l’attore è un nuovo importante riconoscimento dal cinema di serie A”. “Operazione San Gennaro era un film napoletano, era quasi naturale farlo interpretare a Totò» racconta  il regista. «Allora era difficile fargli fare film da protagonista perché era quasi cieco ma una piccola parte come quella di don Vincenzo “.

nino-manfredi

In un’altra recensione si legge che “trattandosi di un titolo diretto da Dino Risi, viene da sè che l’inclinazione data al fortunato microgenere sia quella della Commedia all’italiana della quale il cineasta è stato uno dei maggiori alfieri.

E proprio in questo aspetto risiede il motivo di interesse preminente: la scelta delle facce e dei tipi, i momenti di veracità napoletana e di folklore , nella descrizione di un preciso modo,di intendere la vita, superando lo stato del clichè , rivelandosi più efficaci di tanti sociologismi da cinema impegnato”.

Operazione San Gennaro risulta, nel suo, complesso, “una gradevole mistura di Commedia ladresca con venature rosa”, anche se poco aggiunge al percorso cinematografico del regista. La vera novità consiste nel contrasto tra “rilassatezza partenopea” e “serietà americana” messa in luce da una serie di gag veramente riuscite.

Con la collaborazione dello stesso Manfredi alla sceneggiatura, Dino Risi si rifà alla struttura de I Soliti ignoti, a partire dalla presenza di Totò nel ruolo del “vecchio ladro esperto che agisce dietro le quinte” e di un Manfredi “come sempre ineccepibile”.

operazione-san-gennaro

Il racconto, come dice la critica, “procede lungo una traiettoria nota, piacevole, ma non particolarmente originale, per via di una diffusa sensazione di già visto”.

Film dall’andamento movimentato e vivace Operazione San Gennaro non si può considerare tra i migliori del regista , ma risulta ugualmente assai gradevole anche per merito di gag interpretate da Nino Manfredi e Mario Adorf insieme ( coppia già sperimentata da Comencini ).

Tutte le puntate de “Breve storia del cinema napoletano”, le trovi nella rubrica 

“La Storia di Napoli” di Napoliflash24.it (clicca qui)

Fernanda Zuppini