È per sabato 14 dicembre, la Notte d’Arte, un evento che è oramai arrivato alla sua VII edizione, e che quest’anno ha il titolo “Break Napoli”.  L’iniziativa è un format ideato e promosso dalla Seconda Municipalità, e Marino D’Angelo, presidente dell’Associazione “Abili Oltre” e capofila della RTI con “First Social Life”, altre associazioni coinvolte saranno Amref health Africa, MigrArti, Mygrants, UICI Napoli. La direzione artistica è affidata all’attore, regista e autore napoletano Gianfranco Gallo. L’evento è dedicato alla valorizzazione culturale e sociale della città, attraverso un appuntamento unico nel suo genere. 

Il tema di quest’anno è la distruzione di tutti i muri: abbatterli per annullare le distanze, le differenze e le discriminazioni, per raggiungere una totale inclusione; soprattutto per mettere sotto i riflettori i 77 muri che ancora dividono città, paesi, culture. Troppi per il 2019, non abbastanza da fermare chi vuole abbatterli. Un progetto quello di “Break Napoli“, Notte d’arte, pensato e voluto da tre anime che si uniscono in un e un progetto complesso per un obiettivo comune.

“Il titolo della serata gioca anche sul nome della famosa arteria napoletana Spaccanapoli”,  ha aperto con queste parole l’assessore al turismo e alla cultura Eleonora De Maio, la conferenza stampa dedicata, appunto, all’evento, che ha avuto luogo nella sala della giunta di Palazzo San Giacomo mercoledì 11 dicembre. Il tema specifico dell’iniziativa, ha sottolineato l’assessore, vuole essere un inno alla vita e all’integrazione che la seconda municipalità ha creato per contrastare l’ondata di violenza e intolleranza che sta attraversando il paese. Francesco Chirico, presidente della seconda municipalità, lo ha definito un evento che vuole simboleggiare l’inclusione e l’integrazione, che sono l’unica vera strada per il futuro. Gianfranco Gallo, nel suo intervento, ha dato un piccolo assaggio dello spettacolo che avrà luogo sui tre palchi del centri storico “Sarà un palco variegato che vedrà personaggi del mondo dell’arte e della cultura: da De Giovanni, a Tony Esposito, a Maldestro, a Gianni Lamagna, alle nuove proposte” a simbolo della capacità e della possibilità che provengono dalla diversità. Mentre Marino D’Angelo, presidente dell’Associazione “Abili Oltre” ha spiegato: “La centralitá del tema di questa Notte d’Arte è nella scelta, per il palco principale di dare spazio alle associazioni non profit che hanno aderito e sposato il messaggio di inclusività lanciato da Break Napoli”. 

Così il 14 dicembre, dalle ore 17, si rinnoveranno per le strade del centro storico la realtà e la necessità dell‘apertura e dell’inclusione sociale al mondo, attraverso musica, cinema, visite guidate, performance, e open stage per nuove proposte. Tony Esposito, Maurizio De Giovanni, Maurizio Capone, Marco Zurzolo, Peppe Quintale e Maldestro sono solo alcuni dei nomi che hanno aderito alla filosofia di Break Napoli. L’artista Roxy in the Box, autrice del logo, ha deciso di rappresentare visivamente l’evento con l’immagine di un pugno, con cinque diverse colorazioni della pelle, che stringe una rosa rossa e rompe un muro. Il pugno multicolore simboleggia la forza derivante dall’unione delle varie etnie, mentre la rosa racconta amore e passione. La grafica è a cura di Creative AddMaker.

Programma
A partire dalle ore 19:30 di sabato 14 dicembre 2019, e fino all’una del giorno 15, nel centro storico di Napoli, Break Napoli proporrà visite guidate, incontri e performance musical, cinema, open stage per nuove proposte e tanto altro, tutte dedicate al tema di quest’anno. 17,00 – ANTEPRIMA #CUOREDINAPOLI Azioni e Installazioni Artistiche – A cura del corso di nuove tecnologie dell’Accademia di Belle Arti, gruppo musicale itinerante Bateria pegaOnda. 19,30 – CONCERTO DELL’ORCHESTRA SINFONICA DEI QUARTIERI SPAGNOLI – Quartieri Spagnoli, Via Pasquale Scura. 19,30 – EVENTO NAX (NAPULITANE ARE THE WORLD) – Ideato da Gianfranco Gallo: Disegnatori allievi della Scuola italiana di Comix di Napoli cambieranno i connotati a noti personaggi napoletani, trasformandoli in rappresentanti di altre etnie. 20,15 – ARRIVO DELLA SCALZABANDA – Piazza del Gesù. 20,50 – “BREAKING WALLS” – Piazza del Gesù, Performance Compagnia Giovani Movimento Danza, diretta da Gabriella Stazio. 21,00 – CONCERTO BREAK NAPOLI – Piazza del Gesù, apertura di Maurizio De Giovanni. Conducono Peppe Quintale e Nunzia Marciano. Guests Tony Esposito, Maldestro, I Zezi, Gianfranco Gallo, Maurizio Capone, Marco Zurzolo, Giovanni Block. Open Stage: conducono Rosaria De Cicco e Gaetano Gaudiero.