Giovanni Boccaccio, ha trascorso la sua intera adolescenza a partire dal 1327 nella bellissima Napoli del Trecento, culla della cultura dell’epoca. L’influenza della città partenopea è stata decisamente la più importante della sua vita per quanto riguarda lo stile ed i contenuti narrativi delle sue opere. In molti dei suoi scritti infatti, ritroviamo descrizioni di strade, vicoli, sentimenti, e personaggi napoletani. Ed è proprio in questa città che Boccaccio scrive opere come il Teseida, il Filocolo, il Filostrato e la Caccia di Diana.
Nonostante il padre voglia che il giovane Boccaccio studi giurisprudenza, il ragazzo sviluppa un precoce talento per la letteratura ed entra a far parte della corte angioina. Sarà proprio in questo prosperoso e vario ambiente culturale che conoscerà la sua musa ispiratrice, la donna di cui si innamorerà: Fiammetta, molto probabilmente la figlia dello stesso sovrano Roberto D’Angiò, Maria d’Aquino con lo pseudonimo di madonna Fiammetta. Insomma Napoli è stata determinante nello sviluppo letterario di Boccaccio essendo l’origine dell’ispirazione poetica e amorosa. Diverse novelle del Decameron, la sua opera più importante, sono infatti ambientate a Napoli e nei suoi dintorni. Anche le altre opere del Boccaccio subiscono l’influenza della città, per esempio nel quarto libro del Filocolo lo scrittore toscano da grande importanza alla presenza della tomba di Virgilio a Napoli, visto come segno della continuità classica, essendo Boccaccio rinomato per il suo amore per i classici. l’Elegia di Madonna Fiammetta è piena di descrizioni e riferimenti di Napoli.  Esiste anche un’epistola napoletana la cui autenticità è stata spesso messa in dubbio, scritta dal Boccaccio. Si tratta di una delle prime testimonianza di letteratura dialettale, che anticipa il naturalismo del linguaggio del decamerone, ed è importantissima a livello linguistico per comprendere le caratteristiche e le trasformazioni della lingua napoletana così come era parlata nel trecento.  Boccaccio lasciò la città partenopea nel 1340 all’inizio della terribile epidemia di peste e, nonostante tutti i suoi tentativi non ve ne farà più ritorno. Napoli rimarrà per il resto  della sua vita un sogno irraggiungibile.

La lettera, indirizzata a Franceschino dei Bardi, appartenente alla famosa compagnia commerciale e residente a Gaeta, gli comunica che è divenuto padre di un figlio maschio, nato a Napoli dalla sua amante Machinti.
La narrazione del battesimo del piccolo è fatta in un colorito dialetto napoletano, e numerosi sono i nomi e soprannomi degli ospiti che vengono per festeggiare il bimbo appena nato.

***
Facimmo adunqua, caro fratiello, a saperi, che lo primo juorno de sto mese de Deciembro Machinti filliao, e appe uno biello figlio masculo, cha Dio nce lo garde, e li dea bita a tiempo, e a biegli anni. E per chillo cha ’nde dice la mammana cha lo levao, nell’ancuccia tutto s’assomiglia allu pate. E par Dio credamolillo; cha ’nde dice lu patino, cha la canosce cha d’è bona perzona. O biro Dio, cha ’nde apisse aputo uno madama la reina nuostra! Acco festa, cha ’nde faceramo tutti per l’amore suojo! Ah macari Dio stato ’nci fussi intanto, ch’apissovo aputo chillo chiacere in chietta, com’av’io mediemmo! E sacci, cha qualle appe filliato Machinti, a cuorpo li compari lie mandaro lo chiu bello puorpo cha bidissovo ingimai: e mandicaosillo tutto; cha ’ncelle puozza, si buoi tu, benire scaja, cha schitto tantillo non ce de mandao. E dappoi arquanti juorni lo facimo batiggiare, e portavolo la mammana incombogliato in dello ciprese di Machinti, in chillo dello ’mbelloso inferrato di varo: non sacco, se te [p. 96]s’arrecorda, qual isso buoglio dicere eo. E Ja. Squarcione portao la tuorcia allumata, chiena chiena de carline: e forononci compari Jannello Borsaro, Cola Scongiario, Turcillo Parcetano, Franzillo Schioccaprete, Serillo Sconzajoco, et Martuccello Orcano perzì: e non saccio quanta delle mellio mellio de Napole. E ghironci in chietta con ipsi Marella Cacciapulce, Catella Saccoti, Zita Cubitosa, et Rudetola de Puorta nuova, et tutte chille zittelle della chiazza nuostra. E puosoronli nome Antoniello, ad enore de santo Antuono, cha ’nce lo garde. E s’apissovi beduto quanta bella de Nido et de Capovana perzì, e delle chiazze bennono a besetare la feta, pe cierto ti apperi maravilliato. Bien mi tene, quant’a mene, chiù de ciento creo, cha fossero colle zeppe ertavellate, e colle manecangiane chiene di perne e d’auro mediemno, cha ’nde sia laudato chillo Deo, cha le creao. Acco stavano bielle! uno paraviso pruoprio parze chillo juorno la chiazza nuostra. Quant’a Machinti, bona sta, e allerasi molto dello figlio: non pe quanto anco jace allo lietto, come feta cad’è. Apimmote ancora a dicere arcuna cuosa, se chiace a tene. Lloco sta abbate Ja. Boccaccio, como sai tu: e nin juorno, ni notte perzì fa schitto cha scribere. Agiolille ditto chiù fiate, et sonmode boluto incagnare co isso buono uomo. Chillo se la ride, e diceme: figlio meo, ba spicciate, ba juoccate alla scuola co li zitelli; cha eo faccio chesso, pe volere adiscere. E chillo me dice Judice Barillo, cha isso sape, quanta lu demone, e chiù cha non sappe Scaccinopole da Surriento. Non faccio pecchene se lo fa chesso; ma, pe la [p. 97]donna, da pede rotto pesamende. Non puozzo chiù; ma, male me ’nde sape. Benmi le perzone potterà dicere, tune cha ’ncia cheffare a chesso? Dicotillo: sai, cha l’amo quant’a patre: non bolserie in de l’abenisse arcuna cuosa, cha schiacesse ad isto, ned a mene mediemmo. Se chiace a tene, scribelillo: e raccomandace, se te chiace, a nuostro compatre Pietro da Lucanajano, cha llu puozziamo bedere alla buoglia suoja. Bolimmonci scusare, cha ti non potiemo chiù tosto scribere, ch’appimo a fare una picca de chillo fatto, cha sai tune. Bien se te chiace, cobille scrivincello, e beamoti insorato alla chiazza nuostra. Lloco sta Zita Bernacchia, cha sta trista pe tene. E aguardate. In Napole, lo juorno de sant’Aniello.
Delli toi
Jannetta di Parisse dalla Ruoccia.

Ad Francisco delli Barde.

simona caruso