Migliaia di agricoltori, allevatori e pastori, guidati dai loro sindaci e dai rappresentanti dei sindacati, confluiranno nelle prossime ore in piazza Montecitorio, a Roma. Dalle ore 09.00 di domattina infatti inizierà la loro protesta contro la mancanza di interventi che contrastino l’invasione di cinghiali e animali selvatici, che andando a caccia di cibo, si avvicinano a città e campagne, creando problemi di varia entità.

Sarà presentato il primo dossier di Coldiretti dal titolo “Gli italiani assediati dai cinghiali”. Questa iniziativa segue una denuncia, fatta a gennaio di quest’anno, circa la gravità della situazione. Secondo l’associazione dei coltivatori, sarebbero circa un milione i cinghiali in circolazione, a cui si uniscono altre specie selvatiche che distruggono raccolti e uccidono animali allevati. Il loro numero è raddoppiato nell’ultimo decennio, mentre le ricadute in termini economici si stima siano pari a cento milioni di euro all’anno, senza contare le vittime umane. Quindi, non sarebbe più solo una questione di danni economici, quanto anche di sicurezza sociale.

Sarà presente in piazza sia il presidente regionale di Coldiretti Campania, Gennarino Masiello, sia il suo omologo a livello nazionale, Ettore Prandini. Ad affiancarli saranno rappresentanti del mondo dell’associazionismo, tra cui quelli di Federconsumatori, Federparchi, Legambiente, Terranostra, Codacons, Adusbef, Apab.