Non è stato interrogato, a causa delle “delicate” condizioni fisiche e psichiche, Salvatore Narciso, l’uomo che ieri ha ucciso la figlioletta di 16 mesi lanciandola dalla finestra di casa. Narciso ha poi tentanto di togliersi la vita lanciandosi anche lui nel vuoto e rimanendo gravemente ferito. Il rinvio deciso dal magistrato, che indaga sulla tragedia di San Gennaro Vesuviano. Sono attese nelle prossime ore notizie dalla procura riguardo le disposizioni del giudice, dopo aver sentito il parere dei medici dell’ospedale Cardarelli di Napoli dove l’uomo si trova ricoverato e piantonato. Per il momento rimane piantonato e nessuna misura è stata ad oggi decisa nei suoi confronti.