Un bando per “individuare soggetti interessati ad avviare una sperimentazione di bike sharing nel territorio cittadino” è stato pubblicato sull’Albo Pretorio e sulla homepage del proprio sito istituzionale del Comune di Napoli.

La sperimentazione dovrà avvenire nel rispetto delle linee di indirizzo approvate, su proposta dell’Assessore al patrimonio, ai lavori pubblici e ai giovani Alessandra Clemente, dalla delibera di Giunta Comunale n. 635 del 20 dicembre 2019. L’attività di bike sharing, si legge, potrà avvenire con sistema free floating e/o station based utilizzando sia biciclette di tipo muscolare che a pedalata assistita con una flotta che, a pieno regime, potrà essere costituita fino a un massimo di 6 mila biciclette. Sul bike sharing anche il Tavolo di consultazione per la promozione della mobilità ciclabile, organismo di sostegno e supporto del Comune di Napoli sulle politiche di mobilità sostenibile, aveva espresso parere favorevole alla proposta.

La sperimentazione – dichiara l’assessore Clementevuole dare risposta alla riscontrata domanda di mobilità ciclabile. Incentivare il bike sharing significa incentivare gli spostamenti ecosostenibili sostitutivi dell’auto. In attuazione del Piano urbano della mobilità sostenibile vogliamo fissare le basi di una nuova mobilità cittadina ecologia e sostenibile che vede il progressivo passaggio da una mobilità legata alle automobili private al trasporto pubblico e alla mobilità dolce”.