Da venerdì 24 a domenica 26 gennaio la città di Benevento ospita la quarta edizione di Sementia, la manifestazione dedicata ai cereali tradizionali ideata da Slow Food Campania in collaborazione con le Condotte e Comunità Slow Food della provincia di Benevento. Anche per questa edizione, come per lo scorso anno, cuore pulsante dell’evento sarà la Rocca dei Rettori, sede dell’ente provinciale.

Sementia intende essere un momento di confronto degli operatori della filiera cerealicola, tra loro e con i consumatori. Tema scelto per l’edizione 2020 è Germogli di Comunità. Si parlerà del valore delle comunità negli incontri di sabato 25 e, in particolare, in quello delle ore 16,00 dal titolo “Slow Grains: percorsi di comunità” con la partecipazione di Francesco SottileMimmo PontilloSouhad AzennoudHabib Ayeb, Lorenzo Berlendis, Mauro Pizzato e Serena Milano con la conduzione di Nazarena Lanza e Antonella Mignacca. Appuntamento di festa poi alla domenica alle ore 9,30 con “Il grande cerchio delle comunità dei grani” in cui si porranno le basi per un “sentirsi comunità” oltre i confini dell’evento.

La giornata del sabato sarà quasi interamente dedicata ai tavoli di lavoro: si parlerà di libertà dei semi, dei panificatori urbani come trait-d’union tra città e campagna, dei cereali tradizionali nella produzione della pasta, di lievitazione, dell’agricoltura organica e di mense scolastiche. Nell’appuntamento dedicato a forni e mulini alle ore 11,00 si presenterà poi il protocollo d’intesa tra Slow Food Campania e Ordine dei Tecnologi Alimentari di Campania e Lazio con la partecipazione di Salvatore Velotto, Presidente dell’Ordine dei Tecnologi Alimentari di Campania e Lazio; Peppe Orefice, membro del Comitato esecutivo Slow Food Italia e Mimmo Pontillo e Lucio Napodano del Comitato esecutivo Slow Food Campania. Condurrà l’incontro Angelo Loconte.

Tre sono invece i progetti regionali attivati grazie al PSR Regione Campania 2014-2020 e di cui Slow Food Campania è partner che saranno presentati a Sementia: Riadag (Misura 16.5.1) di cui si parlerà alle ore 9,30 del sabato; Venabio (Misura 16.5.1) protagonista alle ore 11,00 dello stesso giorno e POIGA – Innovazione e sostenibilità dei grani antichi (Misura 16.1.1 Azione 2) protagonista la domenica alle ore 11,00. In particolare, alla presentazione del progetto POIGA interverranno Giuseppe Marotta (Unisannio), Gianni Cicia (UniNa – DiA), Pasquale De Vita (CREA), Massimo Morbiato (EZ Lab), Mauro Mori (UniNa – DiA). Altri partner di progetto sono: Arca 2010, Molino Terre di Resilienza, Molino Resce, Azienda Agricola Veronica Iannelli, Azienda Agricola Montemarano Maria Grazia, Azienda Agricola Leppa Margherita, Azienda Agricola Riccio Carmela.

Non mancheranno, come nella tradizione di Slow Food, gli appuntamenti con il gusto. Si parte venerdì alle ore 18,00 con la premiazione delle chiocciole Slow Food della Campania delle guide Osterie d’Italia e Slow Wine 2020 a Palazzo Paolo V. A seguire, la cena all’Hotel President. Al sabato invece alle ore 18,00 presso Alimenta Helga LibertoAnna Chiavazzo e Vincenzo Bardascino saranno protagonisti di “La dolcezza del grano. Pani e panettoni”. A seguire, serata dedicata alla pizza e alla birra presso l’Hotel President condotta da Antonio Puzzi e Alfonso Del Forno con i pizzaioli Patrick Ricci (San Mauro Torinese – TO), Michele Croccia (Caselle in Pittari – SA) e Giovanni Civitillo (Cusano Mutri – BN) e il mastro birraio Armando Romito.

Il programma completo della manifestazione è disponibile su sementia.it e su slowfood.it/campania