All’Istituto “Marco Tullio Cicerone” di Sala Consilina, nel Salernitano, su iniziativa del docente Vincenzo Rao e dell’assistente tecnico Vincenzo Donato sono stati costruiti nel laboratorio interno della struttura scolastica una sessantina di banchi monouso. Altri ne saranno realizzati nei prossimi giorni. I banchi “fai da te” sono stati ricavati da arredi scolastici dismessi o da vecchi banchi biposto non più conformi alle normative anti Covid 19. “Le lezioni sono iniziate – spiega all’ANSA il dirigente scolastico Antonella Vairolo scorso 24 settembre e per garantirne la regolarità abbiamo pensato di costruirci da soli i banchi. Sia i docenti sia gli alunni sentivano l’esigenza di riprendere la didattica in presenza e non a distanza“.

L’istituto “Marco Tullio Cicerone” conta una popolazione scolastica di circa 850 studenti provenienti dai comprensori del Vallo di Diano, Alburni e Tanagro nonché da alcuni comuni confinanti della Basilicata. “Così – continua Vairo – si è sopperito in parte alla mancanza dei banchi monouso che attendiamo dal ministero dell’istruzione. Nei prossimi giorni riceveremo, invece, 50 banchi e 20 sedie dalla Provincia di Salerno”. Al fine di rispettare le regole di distanziamento, le aule magne ed i laboratori tecnici dell’istituto scolastico sono stati trasformati in aule didattiche. Il “Marco Tullio Cicerone” si compone di diversi indirizzi tra cui Il liceo classico, l’agrario, il professionale, l’industriale tecnico-informatico e telecomunicazioni ed indirizzo sistema moda. Dal 24 settembre sono iniziati regolarmente anche i corsi serali.