I maltrattamenti contro gli animali continuano. E’ stato trovato in un terreno agricolo di Bacoli un  allevamento-lager abusivo. I poveri animali, Yorkshire, Spitz, Chihuahua, Volpini, Pinscher e cinque esemplari di Mastino Napoletano,  erano stipati  in conigliere, ricoperti dai  loro escrementi. Grazie alle denuncia presentata dal presidente Ente Italiano Tutela Animali e Lupo, Antonio Colonna,  è stato possibile l’intervento immediato dei  veterinari, rimasti allibiti per le condizioni in cui versavano i poveri animali: ciechi, sanguinanti, nutriti con cibo avariato, ma soprattutto senza le cure mediche nessessarie. Oltre ai cani, l’uomo nel piccolo box di cemento dove esercitava la sua attività di allevatore, si occupava anche della riproduzione vietata di tartarughe, della specie protetta  testudo Hermanni. Nel fondo agricolo non mancavano ovini, bovini e suini, assolutissimamente non a norma  d’igiene sanitaria. L’uomo insieme alla famiglia, è stato denunciato per ricettazione, maltrattamento di animali, allevamento abusivo, commercializzazione, detenzione di fauna protetta, violazione delle norme igienico sanitarie, somministrazione,. detenzione di farmaci scaduti ed altri reati legati alla sua attività illegale.

Alessia Della Torre