Stasera ore 21.00 al Wanda Metropolitano di Madrid Liverpool e Tottenham insieme con gli appassionati di calcio, il bel Calcio, vivranno la Notte delle notti: la finale della Uefa Champions League.
Due squadre inglesi a contendersi la coppa delle coppe: un evento storico più di quanto non lo sia già. Una città: Londra condannata o disegnata, a seconda dei punti di vista, da eterne, particolari rivalità e colori sparsi, ma forse mai sovrapponibili perché la Premier insegna ad amare la maglia sempre e comunque, proteggendone il valore con tutto il calore e l’emozione possibili.
E allora c’è da aspettarsi che i giocatori, ma non di meno i tifosi sugli spalti, entreranno in campo con questo spirito, questa responsabilità.
Che dire, sia gli Spurs che i Reds arrivano a questa partita che è la fine di un percorso tutt’altro che prevedibile: i primi dopo aver affrontato in semifinale l’Ajax, una squadra giovane forse per questo inesperta, ma senza paura, in grado di stupire, divertire; gioco pulito, ordinato e frizzante: uno spettacolo per gli occhi. E’ stata una partita da cardiopalma, dell’inaspettato, del goal della vittoria all’ultimo respiro … lacrime di commozione e liberazione per gli uni, di delusione e rabbia per gli altri che si sono visti portar via un sogno benché siano stati i protagonisti di una gran bella favola; i secondi hanno eliminato il Barcellona di Leo Messi, qualche settimana dopo che, al Camp Nou, vista la travolgente vittoria Blaugrana, quasi nessuno avrebbe puntato sulla rimonta … A meno che non si giochi ad Anfield, una cornice rosso fuoco, dove, come detto, può succedere l’impossibile!
Le parole di Mister Klopp nel pre partita ai suoi giocatori avranno colpito nel segno per una grandissima impresa: ”Voi siete il Liverpool, ce la potete fare!”.
Varrà anche una volta arrivati a Madrid?
Pochettino invece avrà un Totthenam in stato di grazia? Pronto a sorprendere, più di quanto non abbia già fatto?
Non resta che aspettare il fischio di inizio e godere della magia delle stelle del Calcio.

Roberta Salvati