Con il numero di contagi che non accenna a diminuire significativamente, ieri in Campania 1.312 i nuovi positivi, è una corsa contro il tempo per rendere disponibili nuovi letti pronti ad accogliere i pazienti. Per questo il governatore Vincenzo De Luca ha annunciato l’apertura, questa mattina, del Covid Residence, in prossimità dell’Ospedale del Mare di Napoli, con circa 200 posti da destinare a pazienti asintomatici. “I posti letto Covid disponibili vengono attivati sulla base delle esigenze che si hanno di volta in volta, perche’ siccome, ovviamente, il personale e’ limitato, per garantire i turni nei posti Covid bisogna eliminare le prestazioni non essenziali” ha spiegato in un post su Facebook il governatore. “Mano a mano che abbiamo l’aumento della richiesta di posti Covid, si riducono le attivita’ non essenziali, e apriamo i posti letto Covid – ha aggiunto De Luca. Il covid Residence occuperà una palazzina di 4 piani, con oltre 200 posti’’.

Forte preoccupazione per la situazione epidemiologica è stata espressa da Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei medici di Napoli. ‘’Non dimentichiamo che questa è una guerra e anche se al momento ci sembra che le cose vadano ancora benino, far finta che non lo sia ci porterebbe al disastro – ha dichiarato -. Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilare carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene. Le notizie che arrivano dagli ospedali mi preoccupano molto. Una delle prime lezioni che mi sono state impartite in gioventù è stata che girare la testa dall’altra parte non serve a nulla, le malattie è bene scovarle sul nascere e affrontarle di petto. Per questo – ha concluso Zuccarelli – è bene dircelo fuori dai denti, la Campania è malata. Napoli è malata“.