Il 14 giugno si è tenuta la Conferenza di Servizi sul rilancio di Bagnoli, presso l’auditorium Porta del Parco, dopo la convocazione da parte del Commissario straordinario del Governo Francesco Floro Flores. Approvato il Praru (Programma di Risanamento Ambientale e di Rigenerazione Urbana) relativo allo stralcio urbanistico degli interventi su Bagnoli.

Questa è la conclusione definitiva di tutto il protocollo di riqualificazione del Sito di rilevante Interesse Nazionale di Bagnoli-Coroglio. Entro la fine del mese prossimo si partirà con la gara di lavori di bonifica dell’area ex Eternit e con il concorso internazionale di idee gestite entrambe dal soggetto attuatore Invitalia (l’Agenzia nazionale per l’ attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, di proprietà del Ministero dell’Economia).

“Dopo mesi di lavoro finalmente da domani possiamo iniziare a ridisegnare la nuova Bagnoli. Entro luglio bandiremo un concorso internazionale di idee per scegliere il miglior progetto. È stato un percorso condiviso con diversi soggetti istituzionali. Oggi noi possiamo dire di aver conseguito diversi obiettivi: la valutazione ambientale strategica, l’approvazione del Praru, per ciò che riguarda lo stralcio urbanistico, il dissequestro di alcune aree.  Inoltre è stata confermata la dotazione finanziaria di 320 milioni di euro. Questi sono fatti”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Invitalia, Domenico Arcuri.

“L’amministrazione vede tutte le prerogative fatte salve. Valorizzeremo 190 ettari di parco e la spiaggia. L’amministrazione comunale ha lavorato tantissimo” – ha spiegato Carmine Piscopo, assessore all’urbanistica del Comune di Napoli,

La Regione invece ha espresso dubbi sull’attuale stralcio perchè non ha ritenuto sufficiente il livello di elaborazione, che secondo Bruno Discepolo, assessore regionale all’urbanistica, non è in grado di assicurare la rinascita dell’area, in quanto il programma è una registrazione di cose già viste.  Dopo 4 anni di attività demandate la riformulazione dell’idea ad un concorso di idee è sodisfacente per l’assessore.  “Non abbiamo capito qual è l’idea della nuova Bagnoli e non spetta al concorso di idee. Quando sarà chiaro il disegno noi saremo favorevoli” – ha dichiarato Bruno Discepolo.