“Storie Mitologiche”: Amori Mitologici

Storie eterne di amori immortali

(a cura di Giorgio Manusakis)

Quando il nostro beneamato Zeus Tonante, padre fondatore di miti3000, mi ha proposto di curare questa nuova sezione del mito, ha fatto nascere in me un forte conflitto: da un lato il piacere di trattare un argomento così interessante e stimolante, dall’altro la consapevolezza di andare incontro a non poche difficoltà nel trattarlo; già parlare di amore è qualcosa di difficile, perché ognuno di noi ha una sua visione dell’amore che si basa, per lo più, sulle esperienze personali, ma andare poi a trattare questo argomento in chiave mitologica poneva da subito un problema: considerato l’esteso numero di amori presenti nel mito (si pensi solo alle innumerevoli ‘scappatelle’ di Zeus) e le diversità spesso notevoli esistenti tra loro, e non potendoli dunque narrare tutti, quali dovevano rientrare in questa sezione? e quelli da escludere, per quale motivo dovevano essere esclusi? Certo, si potrebbe fare un elenco dei “soliti” Apollo e Dafne, Orfeo ed Euridice, Elena e Paride, Amore e Psiche etc., ma sarebbe troppo superficiale e i nostri lettori sanno che cerchiamo di non esserlo mai o, almeno, non troppo (e abbiamo la presunzione di ritenere di esserci finora riusciti), dunque continueremo su questa strada cercando di non tralasciare nulla in questa nostra personale narrazione delle più belle e interessanti storie d’amore che il mito ci ha tramandato. A questo scopo, le pagine di questa sezione verranno periodicamente ampliate con nuovi racconti di amori mitologici, che verranno di volta in volta aggiunti a quelli già presenti. Non disperino e non ce ne vogliano, dunque, i lettori che troveranno il loro mito preferito narrato dopo tanti altri o non citato affatto, a tutti ricordiamo che questi miti sono già presenti nel sito miti3000, seppure narrati diversamente da come lo sono in queste pagine, quindi vi basterà cercare bene o sbirciare di tanto in tanto in questa sezione e troverete ciò che magari pensavate non ci fosse. Sperando di non deludere nessuno, auguriamo a tutti buona lettura della prima storia che pubblicheremo domani: Ovidio o Shakespeare?, una storia resa immortale dal grande Shakespeare, ma che Ovidio aveva raccontato oltre un millennio prima di lui.