Stefano Caldoro, capogruppo dell’opposizione in Consiglio Regionale, è intervenuto ieri sulle candidature del centrodestra per la corsa a Palazzo San Giacomo della prossima primavera. 

Sulla decisione del futuro candidato sindaco di Napoli il centrodestra non deve fare toto nomi perché sarebbe un errore – ha spiegato Caldoro Tra Catello Maresca e Sergio Rastrelli penso che il primo abbia una forza in più degli altri, che è quella dell’allargarsi per abbracciare fasce molto più ampie di elettorato. Per quanto riguarda Rastrelli si tratterebbe di una candidatura più identitaria con meno possibilità di allargamento rispetto alla candidatura di Maresca“. 

Se l’ipotesi del pm anticamorra e papabile candidato dovesse essere gradito a tutto il centro destra, si prospetta una sfida interessante per Palazzo San Giacomo. Maresca potrebbe coagulare attorno a sé una coalizione di liste civiche con l’appoggio di parte di Forza Italia e di altre formazioni centriste.